1 0

Il Milanese Imbruttito meets il Jerry (Calà)

Da “Non Sono Bello… Piaccio” al Dogui e molto altro

Iniziamo con una nota personalissima, il Jerry è davvero simpatico! E svela – ma lo immaginavamo – tratti Imbruttiti che ce lo fanno amare ancora di più!

JERRY

Domanda Riscaldamento: “Non Sono Bello… Piaccio!” è un po’ il tuo “claim”. L’hai coniata tu o l’hanno scritto per te?

L’ho inventata io, mi è venuta spontanea durante le riprese del film “Vacanze di Natale” durante la scena in cui arrivo a Cortina e il proprietario dell’Albergo mi chiede “E poi cosa ci troveranno le Ragazze in Un Pupazzo come te?” ed io rispondo “Non sono Bello.. Piaccio”. E da lì è nata una frase che mi ha sempre accompagnato e a cui sono affezionato, lo ammetto, perché è diventata la bandiera di quelli che non sono bellissimi ma conquistano le donne con la simpatia.

“Non Sono Bello… Piaccio!” è anche il titolo del tuo Spettacolo che ripercorre 40 anni di carriera e che arriverà a Milano il 24 Novembre. Che effetto fa rivivere la propria vita artistica?

E’ bellissimo ed è stato ancora più bello ripercorrerli a Milano (ndr Durante le scorse tappe del Tour che era arrivato nel capoluogo lombardo già negli anni scorsi, e che torna a novembre e a febbraio) . E’ stata infatti l’occasione per riscoprire l’affetto dei Milanesi e di Milano, una città per me molto importante in cui sono arrivato con la mia famiglia, praticamente neonato , trasferendomi dalla Sicilia. A Milano ho abitato fino alle medie per poi trasferirmi a Verona e tornare in seguito per iniziare al Derby Club la mia carriera. Per cui l’anno scorso, quando ho fatto il tutto esaurito al Teatro Nuovo, con un pubblico entusiasta e super affettuoso … che dire… ho riscoperto il calore e l’affetto dei Milanesi che mi considerano “Cosa Loro”.

Quindi i M.I. non sono così stronzi come sembra, o come alcuni pensano?

Assolutamente no… se no allora sarei stronzo anch’io! Sai cosa faccio con i miei ragazzi della band… quando andiamo in giro ad esempio a Napoli chiediamo “Sapete dove si mangia la migliore pizza?” “A Milaaaaano!” A Milaaaaano (con una moltitudine di a) è la mia (nostra) battuta che esprime affetto nei confronti della città!

Gli anni ’80 sono un po’ il Grande Mito, per non dire la Grande Nostalgia, e tu hai portato sullo schermo alcuni classici cinematografici che il M.I. non smetterà mai di guardare in quanto ci si identifica a palla. Due su Tutti “Vacanze di Natale” e “Sapore di Mare”. Perché sono piaciuti e piacciono ancora così tanto?

Quei film lì erano, e sono rimasti, dei film Culto. Anche perché esprimevano un leggerezza che piaceva e piace sempre rimanendo a tal punto nella vita delle persone da entrare a far parte integrante del gergo comune e della vita quotidiana. Erano film che facevano ridere perché inventavano realmente qualche cosa, attingendo dalla realtà ma arricchendola di spunti ed ironia. Ora, quello che vedo, sono film forse tecnicamente migliori, con bravi attori, ma che non “inventano nulla di nuovo”. Si limitano a copiare.
Oltre a questo il pubblico non si identifica più in personaggi che – banalmente – non risultano veri come quelli messi in scena dai film degli anni ’80. Chi li guarda non riesce a farli propri fino in fondo. Al contrario conosco veramente, come dicevo prima, un sacco di persone che sanno a memoria spezzoni di Sapore di Mare o di Vacanze di Natale e che ne ripetono ancora le battute migliori (ndr: anche noi ne conosciamo tanti, vero Imbruttiti?).

Come sono cambiati la Costa Smeralda, Forte, Santa, Cortina, St.Moritz…. rispetto agli anni d’oro (leggi anni ’70 e ’80)? Si potrebbe dire che oggi si sono ingiarganiti e che il vero M.I. snob li frequenta solo per abitudine?

Direi che dipende dai Posti. Forte, ad esempio, è rimasto il Forte degli Anni d’Oro e a frequentare la Capannina, ad esempio, sono i figli di chi la frequentava negli anni Settanta. Il Milanese Imbruttito che frequenta il Forte è quello Vero. Anche Santa e Portofino sono rimasti snobbettini (diciamo così). La Costa Smeralda, invece, anni fa è stata invasa dai (come li chiamate?) Giargiana? Ti dico solo, per farti capire, che ho un amico che affitta a giornata Ferrari e macchinoni in Costa Smeralda e lavora parecchio e anche tanto! Come dire, c’è chi va lì solo per farsi vedere per almeno un giorno. Ora, tuttavia,la situazione sta un po’ migliorando. E di Cortina non chiedere niente? (ndr chiede a noi il Jerry) Ahhh è vero (sembra auto rispondersi) a Cortina vanno i Romani. Comunque vi dico che oggi come oggi, chiamano Cortina Mortina!

Il Papà Imbruttito Doc: il Dogui o Ugo Bologna “che ha figli pirla come te”?

Qui, il Jerry, non ha nessuna esitazione e risponde sparato! 

Il Dogui rimane Imbattuto, è stato un Faro per noi attori. I Comici Milanesi si sono abbeverati ai suoi modi di dire. Il Dogui le sparava così… naturalmente … e ne sparava talmente tante da regalarcene alcune meravigliose. Questo, ovviamente, senza nulla togliere al grande Ugo Bologna.

Ti Senti un po’ Milanese di adozione? Cosa ti piace della Milano Imbruttita e cosa trovi assolutamente ridicolo (perché lo ammettiamo riusciamo ad essere MOOOLTO ridicoli)?

Mi sento Milanese d’Adozione ed i Milanesi, come dicevo prima, mi vedono come “Cosa Loro”. Me lo hanno infatti dimostrato in occasione degli Spettacoli che ho fatto gli scorsi anni a Milano. Da parte mia, sono innamorato dei Milanesi e ne conosco la generosità. Un esempio? Milano è l’unica città in cui se entro in un bar mi dicono ”Ué guarda il Jerry, vieni qui che ti offriamo da bere!” Contenti, entusiasti con clima goliardico e da festa. Altrove, invece, rischio di dover pagare il doppio perché “Tanto i Soldi ce li ha!”. Il Milanese Imbruttito (e non) ha una generosità che alcuni sottovalutano, o non colgono, perché quando trovano una persona in cui credono gli danno il cuore. In più Milano è l’unica città internazionale d’Italia… lo diveca già Lucio Dalla “Milano vicino all’Europa”.

Cosa ha dato alla tua carriera Milano e cosa, in questo senso, non avresti trovato altrove.

Bastano gli inizi della mia carriera per capire cosa abbia Milano in più, rispetto alle altre città! Noi eravamo 4Ragazzi di Verona (ndr I Gatti di Vicolo Miracoli ovvio) che, per cercare fortuna, erano scappati da casa ed erano andati a Roma – la Hollywood nell’immaginario – pensando di fare il colpaccio. Li, al contrario, abbiamo fatto la fame. Una sera, allora, abbiamo deciso di abbandonare la capitale per andare aMilano e aMilano, in una sola sera, abbiamo trovato lavoro. Al Derby Club, in cui Il padrone ci ha fatto salire sul palco da cui non siamo più scesi (se non saltuariamente ovvio) per otto anni circa… Siamo stati al Derby Club, infatti, dal 1971 fino al 1977 1978. La cosa bella era anche che abitavamo tutti insieme in “Via Privata dei Cybo” dietro a via Venini in una zona vicina a dove era stato con la famiglia fino all’adolescenza. ( ndr: In questo il Jerry si riconferma Imbruttistssimo. Il M.I., infatti, è biologicamente modificato per essere dipendente dalla propria Zona di Origine- Chi è cresciuto sui Navigli resta sui Navigli; chi è cresciuto in Porta Venezia resta in Porta Venezia and so on).

Secondo il M.I. gli Italiani hanno molto bisogno di ridere e soprattutto hanno bisogno di tornare a ridere in modo “apolitico, spensierato, scanzonato”. Da cazzeggio insomma, un po’ come nei film che ti hanno visto protagonista. Cosa ne pensi?

Secondo me la comicità di oggi è una comicità parassita, l ’80% dei comici imita qualcuno e non inventa niente. Oggi si vede “chi che fa la Belen, chi fa Renzi, chi fa il Berlusca”… Noi ci ispiravamo all’uomo della strada rendendolo originale, regalandogli qualche cosa. Bisognerebbe fare qualche sforzo in più… ma la pigrizia, secondo me, è il vizio di questa generazione. Basterebbe la metà dell’entusiasmo degli anni ’80 per portare l’Italia fuori dalla melma.

Qual è il Film che cancelleresti dalla tua biografia e quello che rifaresti un milione di volte?

Come principio non ne cancellerei nessuno, tutti mi hanno fatto vivere delle belle esperienze e delle belle amicizie. Il film più brutto, se però devo trovarne uno, è “Operazione Vacanze”. Il più bello : “Un Ragazzo e Una Ragazza” che è anche un Inno a Milano.

Concludiamo tornando agli esordi dell’intervista… lo Spettacolo “Non Sono Bello… Piaccio!”. Ci ha detto un uccellino (che non si chiama Twitter) che ci sarà una seconda data ad inizio 2015, sempre a Milano. Confermi?

Esatto, il 9 Febbraio 2015. Essendo praticamente Sold Out la data del 24 Novembre, ne abbiamo aggiunta una “ A Milaaaaano”(ndr si scrive proprio così Raga, ce lo ha detto il Jerry di non cannare). Come per dire, noi la capiamo così, nella CittàPiùAvantiDItalia!

Ultimissimo: la canzone che ti identifica maggiormente (così googliamo e mettiamo il link di YouTube).

“Maracaibo” che è la canzone che mi chiede sempre il pubblico!

Grazie Jerry! Simpatico sullo schermo, sul palco e a tu per tu!

FYI: il 24/11 il Jerry è al teatro Nuovo con il suo spettacolo “Non sono bello…Piaccio”.

Qui il link se volete andarvelo a vedere: CLICCA QUI

 

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!