0 0

Milano e l’ecomostro in Isola. Cosa si fa?

Expo apre gli occhi un po’ a tutti, anche e soprattutto al Comune di Milano.

Il Grattacielo “più Figo del Mondo” – alias il Bosco Verticale (ah… non sapevi…. leggi qua: https://www.ilmilaneseimbruttito.com/2014/11/20/grattacielo-piu-fico-del-mondo/) ed il Grattacielo più Alto d’Italia – ergo La Torre Unicredit – guardano proprio in faccia all’ecomostro di via De Castilla: 14 piani lasciati incompiuti da anni.

Mollato lì, antipatico agli abitanti della zona, tragicamente “orfano” di Ligresti che, caduto in disgrazia, lo ha ceduto forzosamente a UnipolSai.

Ora che fare… di progetti concreti non ce ne sono, anche perché buttarlo giù e ricostruirlo oppure cambiarne la facciata sarebbe decisamente troppo costoso per la nuova proprietà. Il tutto, però, cozza con la necessità incombente di “nasconderlo” durante Expo2015.

Soluzione “all’Italiana” quindi: a 100 giorni dall’Esposizione Universale la richiesta del Comune , nell’immediato, sarebbe quella di allestire una copertura “decente” nel semestre di Expo (questa sarà, probabilmente, la soluzione che verrà attuata). Fondamentale, infatti, non rovinare l’impatto visivo su quella che è una delle aree più internazionali di Milano.

1

Per inciso, siamo in zona Porta Nuova, il macro progetto Hines che “unisce” le zone Garibaldi-Isola-Como, in grado di attirare investimenti stranieri – Qatar – ed Aziende tipoGoogle (che ha scelto appunto Porta Nuova per la nuova tecnologicissima sede). Il Progetto Porta Nuova ha dimostrato come Milano possa farcela ed essere ancora la città più Europeo-internazionale d’Italia e Come direbbero gli imbruttiti, insomma, “Non sembra neanche di essere aMilano”…

Tornando all’oggetto del post, l’ecomostro, cosa fare? Proposta Imbruttita!

Problem Solving in diretta: maxi Cartellone di Belen in intimo… quello che hanno fatto togliere in Corso Buenos Aires per capirsi.

Un Win Win insomma: UnipolSai guadagna soldi concedendo lo spazio, il traffico non va in tilt perché lì è quasi tutta zona pedonale/parco, il brand si fa una pubblicità della madonna… Gli unici che ci potrebbero perdere sarebbero UniCredit e Google.

In che senso? Beh… si piazzerebbero per ore alle finstre a guardare la showgirl mezza nuda. Insomma, addio produttività!

 

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!