0 0

Arriva aMilano la prima Veganburgheria!

Ve la ricordate Viola Berti? No? Bene, neanche noi.
La ragazza però – a soli 21 anni – dopo aver partecipato a Masterchef Italia l’anno scorso, ha aperto in zona Porta Venezia la prima veganburgheria di Milano.

Sì, veganburgheria, un nome cacofonico come uno starnuto per dire semplicemente che tutto il menù non prevede l’impiego di carne. E apri un’hamburgheria? A quanto pare funziona così.

I nomi dei panini sembrano ispirati ai personaggi di un anime giapponese: Tofungo, Seitan olive, Cheese cecio e Spicy cecio. Tra gli ingredienti ricorre spessissimo il Patty di ceci (sarà una zia?) e la maionese vegana, cioè senza uova… quindi perché la chiami maionese?

flower-burger

Siccome non c’è hamburger senza patatine, ecco che anche qui ci imbattiamo in una sorpresa: le patatine non sono fritte. Qualsiasi imbruttito a questo punto smetterebbe di leggere, ma vi chiediamo un ultimo sforzo: nella cucina del Flower Burger – il nome scelto per il locale – non si frigge nulla ma si fa tutto al forno, per questo le patatine vengono cosparse da una bella spolverata di paprika in modo da renderle più gustose.

Il locale si trova in Via Vittorio Veneto 10, e siamo sicuri diventerà un punto di ritrovo per i vegani fondamentalisti della città. Per tutti gli altri, l’unica cosa da fare è provare.

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!