0 0

Le 5 classiche tipologie di pacchi che tira l’Imbruttita

Diciamolo pure: paccare pesa. Può anche mettere ansia. E sarebbe meglio non farlo. Ma alcune volte è necessario, e permette alla vera Milanese Imbruttita di esprimere tutta la sua immaginazione. Infatti, in quanto a modalità – e soprattutto contenuti – lei ne ha di sicuro da vendere.

Ecco i 5 pacchi più diffusi: attuati, subìti, meditati.

1_”Sono uscita tutta la settimana”

Questa è di solito la scusa dell’Imbruttita all’amica che le chiede di vedersi da una settimana. Basterebbe dirle che è stanca, ma non se la sente: un vero milanese però non è mai stanco, perchènonsifermaunattimo, e così in aiuto della realtà arriva la creatività. WhatsApp di venerdì, ore 21: “Cami scusa, sono uscita tutta la settimana, questa sera devo assolutamente stare a casa con i miei genitori” – “Ma tu vivi da sola da 2 anni” – “Infatti, devo stare a casa loro in ricordo dei vecchi tempi. Glielo devo”.

Sottotitolo: la Milanese Imbruttita in Wonderland.

 2_”Penso ancora al mio ex”

L’Imbruttita esce con un tipo due volte in una settimana. Riesce ad incastrarlo tra l’ape del martedì con i colleghi e la palestra il giovedì. Al 2° appuntamento si rende però conto che il tipo in questione è carino e supertenero, ma NCS. Tentativo d’attacco di lui su WhatsApp: “Ci rivediamo settimana prossima?”. Lei: “Scusa, mi farebbe un sacco piacere, ma forse non è un buon momento, mi sono resa conto che penso ancora al mio ex” – Lui: “Ok, magari più in là 😉 “. Quel “più in là” dura almeno 6 mesi, con messaggi da autofriendzonato una volta al mese. Una timing decisamente da calendar.

Sottotitolo: se ti pacco ti cancello.

3_”Mi hanno detto che zoppico un po’ “


Credit immagine

L’Imbruttita si è iscritta in palestra. Una di quelle fighe, ovviamente, dove i corsi sono top e metà delle sue amiche ha l’abbonamento annuale, perché “ti cambia la vita, credimi”. Ma la vera Milanese Imbruttita a volte non ha nemmeno il tempo di andarci, e deve comunque rendere conto alle amiche-personaltrainer-coach, che poi si prendono male se pacca. WhatsApp giovedì ore 19: “A che ora arrivi? Dai che alle 19:30 inizia total body!” – “Ti stavo per scrivere. Oggi in ufficio mi hanno detto che zoppico un po’, ti giuro mi veniva da piangere. Vado a farmi vedere, ti faccio sapere come va” – “Va bene patata”.

Sottotitolo: la verità è che non ci credo abbastanza.

4_“Ho sistemato casa tutto il giorno”

Credit immagine

Ebbene sì, l’Imbruttita ha anche una famiglia, che ogni tot la minaccia di diseredarla se non si fa vedere per più di 7 giorni. WhatsApp della mamma, domenica ore 12: “Pranzi da noi?” – “Mami ho pulito casa tutta la mattina, ho la schiena a pezzi, passo da voi in settimana” – “Ok, non stancarti troppo”. Emoticon con bacino, iPhone sotto il cuscino, e la Milanese Imbruttita si gira sull’altro lato del letto, con un ghigno peggio della strega di Biancaneve.

Sottotitolo: volevo solo dormire ancora.

5_“Ho una convention fuori città”

Ultimo ma non meno importante: la Milanese Imbruttita ha anche un corpo, (l’unico) che non può paccare. Così si rifà sulla sua estetista. WhatsApp di remind, mercoledì ore 15: “Ti ricordi l’appuntamento di domani alle 18?” Chiaramente no. “Susy scusami tantissimo ma sono fuori città per una convention aziendale, annullalo pure, ti chiamo domani e vediamo bene quando. Grazie (5 cuori di 5 colori diversi)” – “Ok no problem”.

Sottotitolo: prova a prendermi.

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!