0 0

È arrivata la “visita sospesa”: Milano è al TOP anche in solidarietà

La tradizione del caffè sospeso, pratica nata e diffusa ancora oggi a Napoli, la conosciamo ormai più o meno tutti: entrando in un bar si pagano due caffè ma se ne beve solo uno. Non è una roba da babbi, e nemmeno un modo dei baristi per fregare cash; “caffè sospeso” (quello che Luciano De Crescenzo ha definito “un atto d’amore”) vuol dire pagare un coffe in più per un bisognoso sconosciuto che, entrando in futuro in quel bar, potrà comunque farsi la sua dose di caffeina anche se non ha soldi.

AMilano di caffè se ne consumano tonnellate tutti i giorni, ma non è un atto d’amore: il coffe lo si prende al volo per carburare la mattina e partire subito a fatturare, briffare, scrivere mail… insomma, per avere più energie negli sbatti quotidiani.

Ma Milano di solidarietà “sospesa” ne ha tanta. Se nel recente passato abbiamo visto il pane in attesa, cioè pane gratis dal prestinè per chi ha reale bisogno, ora è arrivata la “visita sospesa”.

L’iniziativa si chiama “Un dono che dura”, nasce dal Centro medico Santagostino e dalla Onlus Ascolto, con lo scopo di permettere anche alle persone in maggiore difficoltà di accedere alle cure dentistiche o a percorsi di riabilitazione psichiatrica e psicoterapeutica, prestazioni mediche difficilmente accessibili anche nel Servizio Sanitario Nazionale.

visita sospesa 2
Credit Image

“Si tratta – ha spiega Luciano Balbo, presidente del centro, a La Repubblica – di prestazioni a cui sovente chi è in condizioni di precarietà socio-economica (immigrati, famiglie in difficoltà ecc.) è costretta a rinunciare, per la difficoltà di accesso al Servizio Sanitario Nazionale e per gli alti costi del privato. ‘Un dono che cura’ vuole offrire una risposta concreta alla domanda di salute dei più fragili. Noi ci mettiamo gratuitamente i nostri spazi, le nostre attrezzature. Ai cittadini chiediamo una piccola donazione”.

Ok, maquindi come si può dare il grano per le visite sospese? Innanzitutto ci sono le tariffe scontate dei medici: 10 euro per donare una visita odontoiatrica, mentre 17 euro una seduta psicoterapeutica. Le offerte sono comunque libere, dato che anche con solo versando un euro si contribuisce ad un piano di cura, e possono essere fatte negli ambulatori oppure online sul sito della onlus Ascolto.

Perché gli Imbruttiti diMilano hanno poco tempo, tanti sbatti, ma un cuore grande.

Credit Cover Image

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!