0 0

Al via il restyling della Stazione Garibaldi: 3 piani per food, arte e gallerie commerciali

Un milione e mezzo: questa la cifra stanziata per fare il lifting alla Stazione di Porta Garibaldi, la seconda più frequentata in città, con i suoi 30 milioni di passeggeri all’anno.

L’investimento non è alto, ma i progetti sono molto ambiziosi!

Per prima cosa una ristrutturazione dell’offerta commerciale che ad oggi risulta poco attraente per le centinaia di persone che frequentano ogni giorno la Stazione: nuovi brand provenienti dall’estero (primo fra tutti Tiger) sono già in coda per aggiudicarsi gli showroom meglio posizionati.

Poi una grande corte tutta dedicata al food: il piano terra infatti accoglierà alcune delle insegne di maggior successo della città, oltre a numerose nuove realtà della cucina italiana, estera ed etnica, nell’ottica di un’offerta culinaria ampia e completa e cioè molto, molto Imbruttita!

Ciliegina sulla torta: tanto spazio per l’arte, perché l’obiettivo non è limitarsi ad intrattenere chi si trova in stazione a perdere tempo, ma attirare persone da fuori, gente che di treni non deve prenderne neanche uno.

E proprio in quest’ottica si è deciso di dare un nuovo volto al primo piano, trasformandolo in un grande open space che ospiterà mostre, eventi e un’area fitness, il tutto rivolto verso Piazza Gae Aulenti, che sarà ben visibile attraverso enormi vetrate.

gae
Credit immagine

E se tutto ciò non bastasse, sappiate che potrete raggiungere Porta Garibaldi in bici, perché è prevista anche la creazione di una pista ciclabile indoor, per avvicinare Corso Como e aumentare il traffico di persone all’interno.

Il progetto ci piace molto e non vediamo l’ora sia il 2017 per vederlo completato, ma fino ad allora la domanda resterà una ed una sola: siamo sicuri che basterà?

Credit immagine di copertina

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!