0 0

I ristoranti top aMilano del 2016: ecco le nuove aperture e i nuovi chef

Lavoro, guadagno, spendo, pretendo… anche a tavola.

Milano si conferma sempre al TOP nella ristorazione, e il 2016 è un anno ricco di nuove aperture e cambi di gestione in molti locali. Non sono tutte rose e fiori per il settore, dato che secondo i dati Fipe lo scorso anno, nei primi 9 mesi, sono state 12.726 le aperture ma ben 20.018 le chiusure. Nella Città Imbruttita, però, l’agenda delle novità da mangiare segnalata da Il Sole 24 Ore è ricca di posti e cose buone. Alcuni nuovi ristoranti top sono già stati inaugurati, altri lo saranno nei prossimi mesi.

Segnate il nome e preparate il palato: i piatti  non sono quasi mai cheap, ma di certo sono tanta roba.

1_Ristorante Pavarotti

pavarotti
Credit Immagine

Al Ristorante Pavarotti, situato all’interno del TownHouse Galleria di Via Silvio Pellico, il nuovo chef è Luca Marchini, da L’Erba del Re di Modena (una stella Michelin). All’interno di una cornice molto suggestiva – c’è anche un museo dedicato al tenore – sarà proposta una cucina molto legata alla tradizione e alla terra.

2_Da Zia Esterina Sorbillo

gino sorbillo
Credit Immagine

Come vi avevamo prontamente segnalato, vicinissimo a Luini, esattamente in via Agnello, è arrivato il nuovo locale Gino Sorbillo. Pizza fritta TOP per tutti.

3_Ristorante Duomo21

duomo21Credit Immagine

Conosci il Ristorante Duomo21? Probabilmente almeno la zona sì, dato che siamo proprio in Piazza Duomo. La novità qui è in cucina: Alberto Citterio, 39enne milanese, adesso è il nuovo resident-chef di questo pettinatissimo ristorante.

4_Unico

unico fabrizio ferrari
Credit Immagine

E l’Unico? Il nuovo chef è Fabrizio Ferrari, dallo stellato Roof Garden di Bergamo. Con sé porta esperienza e una cucina tradizionale, che vuole riproporre prodotti del territorio genuini ma molto spesso dimenticati.

5_Langosteria Café Milano

langosteria
Credit Immagine

Amanti del pesce? In love with crudités? Da non perdere allora la (nuova) Langosteria Café Milano, di Enrico Buonocore, all’interno del palazzo Excelsior in Galleria del Corso.

6_Gesto, fai il tuo

gesto fai
Credit Immagine

Anche aMilano è arrivato “Gesto, fai il tuo”: un innovativo mix di cocktail bar e ristorante ideato da Martina Luccatelli, già attivo a Perugia e Firenze, ora pronto a sorprendere i palati nostrani in via Sirtori Il menu è fatto di tante piccole tapas, da gustare accompagnate da svariati cocktail o una bottiglia di vino; un’unica nota per gli Imbruttiti: le ordinazioni si fanno su una lavagnetta, in autonomia e senza camerieri… che per alcuni non può che costituire un plus!

7_Olmetto

olmetto
Credit Immagine

La massima expertise culinaria? La trovate da Olmetto (un tempo si chiamava “Ulmet”), dove nella cucina di Palazzo Brivio Sforza si trovano ora due chef over 80, Pia Bonamici e Remigio Berton. E se non è esperienza questa…

8_Vista Darsena

vista darsena
Credit Immagine

Sui Navigli ecco il “Vista Darsena”, della cui apertura vi abbiamo già parlato, con in cucina Stefano Cerveni, chef stellato del ristorante Due Colombe a CorteFranca (Brescia).

9_Carlo Cracco

Foto Andrea Negro / LaPresse 30 09 2014 Pollenzo , Italia Cultura Carlo Cracco tiene una lezione di cucina per gli studenti dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Nella foto: Carlo Cracco
Credit Immagine

E Carlo Cracco? Aprirà in Galleria Vittorio Emanuele II, probabilmente nell’Ex Spazio Mercedes (per aggiudicarsi lo spazio, lo chef ha fatto un’offerta da 1 milione di euro). Ci sono tutte le premesse perché faccia (l’ennesimo) botto.

10_C’era una volta Al Cortile

al cortile
Credit Immagine

C’era una volta Al Cortile sarà il nuovo nome di Al Cortile, in via Giovenale 7, che riaprirà i battenti a fine maggio. Il concept è diverso ed accattivante: riproporre le ricette degli emigranti italiani esportate nel globo, offrendo così un progetto di ricerca antropologica oltre che culinaria.

Credit Immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!