0 0

L’iPhone e l’Imbruttito: storia di un amore turbolento, ma senza fine

L’Imbruttito è, per definizione e cause di forza maggiore, SMART: è la giungla metropolitana che lo pretende e, dalla notte dei tempi, il suo è stato un semplice adeguarsi alle circostanze. Nella costellazione di oggetti e strumenti tesi a rendergli la vita più semplice in & out of office, c’è sicuramente lo smartphone. E no, non stiamo parlando di uno smartphone qualsiasi, ma di QUELLO smartphone: perché diciamo la verità, inutile nasconderlo, l’iPhone è l’iPhone, tutti gli altri sono semplici cellulari che non ce l’hanno fatta. Potremmo parlare di una religione laica, perché di questo si tratta: un culto (a ‘sto giro non belligerante) per cui chiunque non si conforma, viene emarginato come il peggiore dei Giargiana. E non è solo una questione di qualità – l’Imbruttito lo sa perfettamente che non è il migliore processore in circolazione e bla bla bla – ma quello che conta è lo status e l’allure che crea intorno a sè. Non averlo, significa essere tagliati fuori. Fine. E poi volete mettere quell’attenzione al design in più? Non c’è paragone sul mercato. Come tutti gli amori degni di questo nome, ci sono momenti di alti e bassi, periodi di crisi e raptus di rabbia in cui tutti noi vorremmo prenderlo e scagliarlo a terra con la cattiveria di Vittorio Sgarbi in una rissa TV… ma alla fine, a prevalere, sono sempre il sentimento di attaccamento morboso e l’istinto di sopravvivenza. Per capire meglio la natura di questo rapporto, ecco un breve recap sull’approccio Imbruttito-iPhone:

1_Siri


Credit immagine

Se fosse per l’Imbruttito, Siri avrebbe già ottenuto un Nobel per la Pace e qualche altro riconoscimento internazionale: ha salvato più vite la vocina meccanica dell’iPhone di qualsiasi supereroe Marvel. Soprattutto, quante volte, nei momenti di noia, l’abbiamo interpellata chiedendo le assurdità più abominevoli solo per ammazzare il tempo? Quante volte in mezzo al traffico abbiamo urlato “EHI SIRI” impartendo ordini a destra e a manca con una cattiveria degna di un dittatore Sud Americano? Tante. E diamoglielo ‘sto benedetto Nobel, poraccia!

2_La batteria


Credit immagine

L’amore non è bello se non è litigarello. Se un difetto lo vogliamo trovare, questo riguarda indubbiamente la batteria. Durata media? Il tempo di un vaffanc**o. Ma nessun problema, è solo una questione di cavi: l’importante è averne sempre uno in ufficio, uno in casa, uno da portare in giro. E se manca? Beh, se manca c’è sempre la possibilità di chiederlo a chiunque, manco foste venditori di rose per strada.

3_La sveglia


Credit immagine

È il 2016, mandiamo i satelliti su Marte, ma a quanto pare a Cupertino sono troppo impegnati per riuscire a trovare il modo di far suonare la sveglia quando l’apparecchio è spento. Dai ragazzi, per l’IPhone 12 ce la potete fare. 

4_ Il costo


Credit immagine

Inutile girarci intorno, l’IPhone non è sicuramente uno smartphone a buon mercato, e questo lo sanno tutti. Proprio per questa ragione il vero Imbruttito è pronto a togliersi il pane di bocca per riuscire a compare l’ultimo modello. Appena si comincia a parlare di un possibile nuovo lancio, elimina tutti gli aperitivi e le occasioni mondane, spegne i caloriferi d’inverno e dimentica l’aria condizionata d’estate. Da grandi spese derivano grandi sacrifici.

5_Le crepe


Credit immagine 

I più fortunati hanno semplicemente assistito a uno di quei momenti di dramma e psicosi che solo la scoperta di una crepa sul display di un IPhone possono causare. A qualcuno sarà capitato anche in prima persona e, purtroppo, il trauma e le ripercussioni psicologiche sono difficili da superare. Momenti di sconforto che neanche alla morte del cane di famiglia. Urla, isterismi, scenate, nella testata di ognuno di noi è depositato almeno un ricordo di questo tipo. Cercate di non pensarci, è tutto passato.

6_I cinesi


Credit immagine

Metà del prodotto interno lordo cinese dipende proprio dalle crepe sugli IPhone: orde di disperati, a ogni occasione, si riversano in Paolo Sarpi per trovare il preventivo più basso. Si narra la leggenda che esistano delle tessera fedeltà per gli abbonati della crepa-facile, come dal parrucchiere. Bestiali questi cinesi…

7_I selfie


Credit immagine

Criticati, demonizzati, odiati, e poi tutti dietro a farceli. Ma sono nati prima i selfie o gli iPhone? Agli storici (e alle fashion blogger) l’ardua sentenza.

8_La vita sociale


Credit immagine

Cosa? Sì ragazzi, la vita sociale, quella cosa per cui si esce, si parla con le persone e si comunica. Una fatica, è vero, ma milioni di anni di evoluzione devono pur essere serviti a qualcosa. Ecco, gli iPhone li stanno vanificando: Tinder, Grindr, PokemonGo, CandyCrush, mail 24 ore su 24, Telegram e così via – potremmo andare avanti per ore. Cosa rimane? Boh chi se lo ricorda… Suona il telefono, scusate…

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!