0 0

36.000 luci: in Galleria arriva il nuovo Albero di Natale!

Passato Halloween, è un attimo che arriva Natale.

Perché aMilano non abbiamo tempo da perdere e siamo sempre proiettati verso il futuro: così, dopo Capodanno è Carnevale, dopo Carnevale è Pasqua e dopo Pasqua prenotiamo per Ferragosto!

 

Tornando all’incipiente periodo invernale, non ci sono ancora grandi indiscrezioni sul Natale in Darsena (male male…), ma possiamo già informarvi sul Natale in centro: è precisamente in Galleria Vittorio Emanuele II che sorgerà anche quest’anno l’Albero di Natale simbolo diMilano.

 

Come vuole la tradizione, la pianta scelta sarà un abete rosso alto circa 12 metri e verrà posizionata al centro dell’Ottagono della Galleria, nel cuore pulsante dello struscio Duomo-Scala.

 

E visto che la location è ghiotta, anche quest’anno Swarovski ha deciso di accaparrarsela, sponsorizzando sia l’allestimento dell’Albero, che il concerto di Capodanno che si terrà in Piazza Duomo proprio durante la notte di San Silvestro.

albero2
Credit immagine

Quest’iniziativa, che si ripeterà anche nel 2017, fornirà alle casse del Comune oltre 150.000 Euro, da spalmare su 2 anni di contratto: soldi che la Giunta utilizzerà per intrattenerci durante il periodo delle Feste.

 

In cambio al leader mondiale dei cristalli verrà concesso un basamento ben visibile su cui trionferà la scritta “Swarovski”, rinforzata dalle migliaia di decorazioni home made poste sul sovrastante albero, che anche quest’anno verrà illuminato da più di 36.000 lucine e impreziosito da un puntale a forma di stella in argento.

 

Bello l’Albero, belle le luci: bravi tutti. Passare per la Galleria sotto Natale è sempre molto emozionante, perché l’atmosfera che si crea è davvero magica e per questo non vediamo l’ora di postarlo su Instagram, però poi alla fine ciò che a Natale conta veramente – siamo sinceri – non sono gli addobbi, non sono i regali: ma solo il panettone!

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!