0 0

Svelato il progetto del Villaggio di Natale all’Arco: pattinaggio, caldarroste e vin brulè!

Il tempo stringe, ma il Comune ha già le idee molto chiare: quest’anno il cuore pulsante del Natale milanese sarà l’Arco della Pace.

La zona di per sé è già molto suggestiva, soprattutto nelle gelide serate invernali durante le quali il vento soffia forte in quel corridoio di aria che è Corso Sempione, che incanala il freddo delle montagne del Nord e lo porta, veloce veloce, fino a qui, aMilano.

 

Ecco forse perché è stata preferita questa location rispetto alla temperata Darsena!

arco
Credit immagine

L’atmosfera sarà simile a quella che si respira nei mercatini di Natale del Trentino: casette di legno dedicate al cibo (in particolare una riservata ai prodotti tipici delle zone terremotate), un grande albero illuminato e un bel boschetto di pini, all’interno del quale si troverà la residenza (vista Arco!) di Babbo Natale.

 

Protagonista di questo, come di tutti i villaggi di Natale che si rispettano, sarà una bella pista da pattinaggio di circa 600 metri quadrati: vicina all’Arco quanto basta da garantirvi la giusta prospettiva per le vostre foto con hashtag natalizi su su Instagram.

 

Troppo bello per essere vero? Probabilmente sì, perché c’è ancora un piccolo problema da smarcare: ad oggi mancano gli sponsor. E la replica sotto forma di domanda retorica viene spontanea: ma aMilano cacciare il grano non era stato eletto sport nazionale?!

 

Adesso c’è solo da sperare che gli organizzatori – dopo aver ricevuto l’ok da parte della Soprintendenza dei beni architettonici – trovino qualcuno disposto a sponsorizzare il progetto… perché il selfie dalla pista di pattinaggio con l’Arco sullo sfondo deve diventare un must dell’inverno milanese.

 

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!