0 0

Non è Natale senza… Oh bej! Oh bej! Ecco tutte le novità di quest’anno!

Puntuale come Mamma ho perso l’aereo, Una poltrona per due e le orrende decorazioni handmade natalizie dei vicini che si improvvisano Enzo-Babbo-Natale-Miccio, ecco che arrivano ad allietare le festività Imbruttite i mercatini di Natale più antichi di Milano: gli Oh Bej! Oh Bej! come ogni anno si formerà attorno al Castello Sforzesco, dalla vigilia di Sant’Ambrogio al 10 dicembre, dalle 8.30 alle 21.00, un fossato di stand ricolmi di meraviglie.

obej obej

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Credit immagine

Quest’anno ben 380 espositori selezionati proporranno la crème de la crème della tradizione artigianale ed enogastronomica lombarda e meneghina: 56 rigattieri, 17 fioristi e vivaisti, 24 artigiani, 19 venditori di stampe e libri, 5 maestri del ferro battuto, rame e ottone, 14 giocattolai, 17 banchetti di dolci, 9 venditori di caldarroste e vin brulè e 10 “Firunatt” (le tipiche castagne affumicate e infilate), 2 produttori di miele e 4 pittori, vi faran venir voglia di tramortire la fidanzata e scappare a gambe levate con gli ultimi due euro.

obej obej

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Credit immagine

Ma non è finita qui: se volete sfuggire ai giargiana in gita, bambini allo stato brado e bradipi con i risvoltini che vi intralciano, entra in scena la fiera Alter Bej!: 80 stand di produzioni artigianali, pezzi unici e second hand, creazioni artistiche, esibizioni di musicisti, giocolieri e artisti di strada, prenderanno d’assalto il Cavalcavia Bussa che collega la stazione di Porta Garibaldi con il quartiere Isola.

ATM informa (per dirla a modo loro): in occasione delle festività di S. Ambrogio  – in previsione di un’intasamento aereo di insulti riguardanti le attese dei mezzi –  gli orari di metro, tram e bus subiranno delle modifiche che potrete trovare sul sito ufficiale.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!