0 0

I tipi e le tipologie di auguri Imbruttito-repellenti che ogni Natale vorremmo sfa****are

Esistono soggetti che sotto le feste danno il peggio di sé, persone che già durante l’anno l’Imbruttito vorrebbe sfa****are molto volentieri e che in questo periodo gli fanno proprio salire il crimine. Nonostante tutti gli sforzi non riesce però ad evitarli, e nonostante a Natale siamo tutti più buoni, la parola d’ordine rimane sempre la stessa: SU-DE-DOSS!
Ecco i principali dei personaggi che ogni anno sembra muoiano dalla voglia di fargli gli auguri:

1_L’anticipatario


Credit immagine

È giusto un conoscente che saluta a targhe alterne, ma per qualche strano motivo ogni anno, immancabilmente ai primi di dicembre, l’Imbruttito viene avvicinato da questa strana creatura che vuole fargli gli auguri di Natale. “Ma cazzo ce la fai? Manca ancora quasi un mese!”. Che poi fare gli auguri prima del tempo, qualsiasi essi siano, mena anche sfiga. La superstizione è roba da Giargiana di campagna, ma una grattatina di sicurezza se la dà comunque, non si sa mai.

2_Il logorroico


Credit immagine

Altro soggetto degno di studio per l’etologia moderna. L’Imbruttito vuole chiudere il progetto prima delle vacanze natalizie, stacca giusto per un coffee al volo per poi rimettersi all’opera. Tutto filerebbe secondo i piani se non fosse per l’arrivo del classico collega cagac***o che staziona ore in sala break. Fiuta il pericolo quindi tenta di andarsene via direttamente col bicchierino, è già di spalle ma ad un certo punto ecco  la fatidica domanda: “Weh Buon Natale, Cosa fai per le feste di bello?”. Panico, sa di essere fo***to. Non gli da nemmeno un secondo per rispondere, che attacca subito a parlare dei c***i propri. Il tempo si congela, dieci minuti che sembrano ore con questo che parla a macchinetta senza mai fermarsi. Non c’è modo di smarcarsi,  poi – preso dalla disperazione – finge un attacco di squaraus e si congeda: “Scusa ma non mi sento molto bene”. Temporeggia qualche minuto nel bagno e nel frattempo controlla le mail dallo smartphone, poi esce  come fosse un ninja infilandosi in ufficio senza più uscirne.

3_Il Giargiana


Credit immagine

Il molesto vicino di casa del profondo sud. Preso a piccole dosi è  anche simpatico, ma sotto le feste meglio evitarlo. Lo incrocia sulle scale, sotto il portico, nell’ascensore… non importa dove si trovino, ma durante le festività sente l’impulso irrefrenabile del contatto fisico. Deve assolutamente fargli gli auguri col doppio bacio sulle guance tipo Il Padrino. L’Imbruttito c’ha provato in tutti i modi, ma niente, non riesce a fargli capire che questa invasione di spazio vitale non gli va molto a genio. Ogni anno tenta di evitarlo come la peste bubbonica, con scarsissimo successo.

4_Lo zampognaro


Credit immagine

La sfiga natalizia, ovvero il simpatico menestrello che immancabilmente sgama l’Imbruttito ogni anno mentre attraversa trafelato le vie del centro, letteralmente rimbalzando da un meeting all’altro. L’artista di strada non demorde, e lo punta fin troppo entusiasticamente esclamando un sonoro: “Buon Natale signore!”, che in realtà significa: “Ciccio caccia un po’ di lira!”. Infila la mano in tasca di malavoglia e chiaramente quando serve qualche spicciolo non c’è mai, tanto che ai più generosi alla fine tocca dare il cartaceo. “Si ma andare a lavorare come tutti gli altri? No?”

5­_Il suo alter ego


Credit immagine

Ovvero Imbruttito VS Imbruttito. Una gara senza esclusione di colpi a chi gliene frega meno. Si avvicinano l’un l’altro con un: “Ohhh carissimo…”. Stretta di mano, grandi sorrisi e auguri di circostanza accompagnati da un paio di domande a tema rigorosamente lavorativo. La risposta generica rimane sempre la stessa,”Solito sbatti, in office un delirio che non  ti dico”, perché tanto a nessuno dei due interessa andare più nel dettaglio. In fin dei conti, si tratta di una conversazione rapida e indolore che entrambi vogliono terminare nel più breve tempo possibile. Una volta svoltato l’angolo la vera domanda nasce spontanea: “C***o aveva da ridere? È Natale, mica il suo compleanno!”.

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!