0 0

Università migliori d’Italia: ecco come si posiziona Milano nella classifica de Il Sole 24 Ore

Se c’è una cosa che funziona aMilano sono le università. Parola del Sole 24 Ore, che come ogni anno ha stilato la classifica dei migliori atenei italiani, sia pubblici che privati.

L’analisi condotta dal quotidiano economico si è focalizzata su sessantuno università statali e quindici non statali, utilizzando 12 indicatori tradizionali per misurare i risultati in termini di didattica e ricerca. Tra questi, l’attrattività (quanti immatricolati provengono da una regione diversa), la sostenibilità (il numero medio di docenti nelle materie di base), la possibilità di stage e mobilità, la presenza di borse di studio, la qualità della produzione scientifica, la competitività della ricerca e la qualità dei dottorati.

Si scopre così che tra le migliori università statali, il Politecnico di Milano si piazza al quarto posto, dietro Verona, Trento e Bologna, che le ha soffiato il terzo gradino del podio per un soffio. Molto positivo il piazzamento della Bicocca, che si posiziona al quinto posto, un gradino più su dello scorso anno. In calo, invece, la Statale, solo diciassettesima e in calo di due posizioni.


Credits immagine

Altro indicatore da non sottovalutare è quello relativo alla percentuale di studenti che trovano occupazione entro un anno dal conseguimento della laurea. In questo caso la Bicocca si posiziona al quarto posto, seguita al decimo dalla Statale.

È tra le private, però, che Milano la fa da padrona. Pur perdendo la vetta di un soffio, ceduta questa vola alla Luiss di Roma, la Bocconi si riconferma fiore all’occhiello degli atenei meneghini, seguita dal San Raffaele al terzo posto. Settimo e nono posto spettano invece a Cattolica e Iulm.

Insomma, ancora una volta, pure in campo accademico, Milan l’è on gran Milan.

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!