0 0

Starbucks sbarca aMilano e porta la giungla in piazza Duomo!

Piazza Duomo si rifà il look. E per l’occasione non sceglie il Greenery, la tonalità Pantone 2017 di cui parlano tutte le riviste di moda e design, ma il verde di Starbucks. La catena americana del caffè sbarca in Italia, per la prima volta aMilano. Ma non esultate troppo, perché non si tratta di una vera apertura. Non ancora, perlomeno.

Il colosso ha vinto il bando di sponsorizzazione che gli consente di prendersi carico della cura delle aiuole di fronte la Madonnina. Stando a quanto si legge sul sito del Comune, nel cuore della città fioriranno «palme, banani e fioriture alternate durante le stagioni, in modo da garantire sempre vivacità e colore».

Il progetto funge da apripista per l’arrivo – quello vero – del colosso statunitense, che come vi avevamo già detto, è previsto per settembre 2017.

«Siamo molto orgogliosi di regalare alla città di Milano un bellissimo giardino», dichiara il Presidente di Starbucks EMEA Martin Brok.


Credits immagine

I lavori inizieranno questa settimana, con i 24 carpini e 9 clerodendri che oggi sono nella grande aiuola di fronte al Duomo che verranno spostati tra via Salomone e parco Galli e tra via Gonin e via Giordani. Fra un mese, ultimato il trasloco, inizierà la messa a dimora delle palme, dei banani e del sottobosco rosa.

«Questo progetto dimostra come queste forme di collaborazione tra pubblico e privato siano proficue nel trovare soluzioni che rendano più belle e curate le aree verdi della città», ha dichiarato in proposito l’assessore al Verde Pierfrancesco Maran.

Il primo Starbucks d’Italia aprirà lì a due passi, nell’ex Palazzo delle Poste di Piazza Cordusio.

Ma siete davvero sicuri di volervi convertire al Frapuccino?

Credits immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!