0 0

Il Salone del Mobile e il FuoriSalone si espandono: “invase” l’Ex Area Expo e Centrale!

Il Salone del Mobile si sdoppia e conquista anche l’ex Area Expo. Non bastasse l’infinita passerella della Fiera di Rho-Pero, la design week, in programma dal 4 al 9 aprile, ha deciso di sfiancare ulteriormente gli addetti ai lavori invadendo anche parte del polo dedicato all’Esposizione Universale del 2015. In realtà del progetto non si sa molto di più, se non che si tratterà di una mostra o di un allestimento ad hoc, che presumibilmente durerà oltre il Salone del Mobile, almeno fino alla riapertura di Experience, da maggio a ottobre.

Non è ancora chiaro quale sarà il padiglione che tornerà a nuova vita, ma i tecnici di Arexpo e Federlegno sono al lavoro per far sì che la collaborazione si trasformi in qualcosa di duraturo anche in ottica futura. L’idea, infatti, è quella di sfruttare il più possibile gli spazi rimasti inutilizzati dopo Expo, almeno fino all’avvio dei cantieri che trasformeranno l’area in un Parco della Scienza e dell’Innovazione, per evitare che la zona si trasformi in un mostro ecologico ambulante, come spesso succede quando si spengono i riflettori dopo manifestazioni di questo tipo.


Credits immagine

Anche il FuoriSalone si espande arrivando a colonizzare anche una nuova zona: i Magazzini Raccordati della Stazione Centrale, che diventeranno la nuova meta di designer, pseudo creativi e appassionati (per non parlare di tutta la fauna che ogni anno si riversa per le strade diMilano agghindata in modo quantomeno discutibile, rendendo la città un unico grande circo). Si tratta, anche in questo caso, di un’opera di riqualificazione di aree abbandonate o trascurate che possono così diventare di moda, un po’ come accaduto con il quartiere di Lambrate. Se pensavate di nascondervi da quelle parti per sfuggire agli eventi del Salone, vi è andata proprio di sfiga. Ma potrete sempre dire che ci avevate visto lungo.

Credits di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!