0 0

Cracco conquista la Galleria: tutti i dettagli su una delle aperture più attese dell’anno

Carlo Cracco ha spinto sull’acceleratore. Questo weekend sulle finestre dell’ex palazzo Mercedes in Galleria Vittorio Emanuele II sono comparse delle tendine che riportavano la scritta “Ristorante Cracco” accompagnata da un criptico “Next Opening 2017“, segno che i lavori per il mastodontico progetto sono partiti.

L’apertura è prevista addirittura entro l’estate e proprio per questo il giudice di Masterchef ha voluto evitare scatti rubati e riservarsi l’effetto sorpresa.

Come vi avevamo già detto, Cracco si è aggiudicato gli spazi nel salotto buono di Milano ufficialmente lo scorso anno, anche se la notizia era già iniziata a trapelare nel luglio del 2015. Quasi 1120 metri quadrati, distribuiti su cinque piani, per un canone di un milione e 90mila euro annui. Cifre che solo un grande chef si sarebbe potuto permettere e proprio questa era l’intenzione della proprietà, che aveva dichiarato esplicitamente nel bando di voler destinare i locali a un ristorante di qualità.


Credits immagini

«Ci vorrà almeno un anno prima di vedere qualcosa. Per adesso ad aprire non ci penso nemmeno. È un lavoro importante e lungo che non si può programmare in quattro e quattr’otto», diceva Cracco quando è trapelata la notizia. E così è stato. Ora che tutto è definito e il restyling è a buon punto, basterà poco per scoprire che faccia avrà il suo terzo ristorante aMilano.

Per il momento si sa che il piano terra sarà destinato ad un caffè bistrot, aperto 7 giorni su 7, dalla colazione al dopocena. Il primo piano ospiterà il ristorante vero e proprio, aperto tutti i giorni pranzo e cena. È al secondo piano che arriva la sorpresa, perché è lì che è previsto uno spazio polifunzionale destinato a eventi, mostre e concerti. Cosa riserveranno gli ultimi due piani non è ancora noto ed è difficile prevederlo. In fin dei conti, voi cosa ve ne fareste di ben cinque piani nel posto più chic della città?

Credits di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!