0 0

Rinasce il Palalido, e Milano riavrà finalmente il suo “Madison Square Garden”!

Forse non lo sapevate, ma anche Milano ha, anzi riavrà, il suo Madison Square Garden: si tratta del Palalido, il palazzetto dello Sport in zona San Siro.

Non un Palalido qualsiasi, ma proprio quello in cui, nell’ormai lontanissimo ottobre del 1970, si esibirono le leggende viventi del rock: i Rolling Stones, pomeriggio (sì: il concerto iniziò alle 16!) durante il quale venne anche registrato il bootleg Street Fighting Men in Milan 1970, stampato in sole 1000 copie.

Ma dopo un passato clamoroso, degno appunto del più celebre Madison Square Garden di New York, cosa è accaduto al Nostro?

Mesi, anzi anni di lavori ipotizzati, iniziati e lasciati a metà e ripresi in mano e riabbandonati, fino ad arrivare al periodo appena antecedente all’Expo, quando i milanesi si sono resi conto che, per fare i primi della classe, non avrebbero potuto presentarci a quell’appuntamento internazionale senza un palazzetto per lo sport all’altezza di quel nome.

Già perché non dimentichiamo che negli ultimi anni il cosiddetto Madison Square Garden de noantri non aveva nemmeno il tetto! Fu così che ripresero i lavori, ma, dopo l’ennesimo fallimento, ora finalmente sembra che davvero riavremo il Palalido, in tutta la sua bellezza!


Credit immagine

Sono infatti stati preventivati 8 mesi di interventi, a seguito dei quali verrà fatto il taglio del nastro: il nuovo Palazzetto dello Sport avrà 5500 posti di capienza e sarà destinato ad eventi sportivi, ma anche culturali e musicali: tutto ciò che possa tenere allenati sia il corpo che la mente!

Già sappiamo però che l’Olimpia continuerà ad allenarsi ad Assago e non si trasferirà qui per questioni di capienza… in compenso potremo assistere a tornei di tennis e anche ad incontri di pallavolo.

Probabilmente qui non si esibirà mai Beyoncé, ma siamo comunque certi che il vecchio Pala ci darà grandi soddisfazioni!

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!