0 0

Una novità da perderci la testa: ecco come potrebbe diventare la Darsena nel 2017!

Notizie in arrivo in Darsena. Per tutti gli amanti dei Navigli, il Comune diMilano ha infatti approvato un nuovo disciplinare, volto a valorizzare maggiormente il lato turistico e commerciale della zona.

Il documento definisce le regole per le concessioni di spazi sulla Darsena (temporanei e ordinari) e per l’ormeggio di imbarcazioni. La novità più interessante riguarda un bando di gara per trovare un gestore di (udite udite!) un nuovo spazio espositivo e commerciale galleggiante.

Darsena Milano
Credit immagine

L’assegnatario del bando dovrà progettare e realizzare a proprie spese una struttura galleggiante di 168 mq per attività commerciali e di promozione. Lo spazio non sarà nè un bar, nè un ristorante. Soprattutto, dovrà ospitare eventi gratuiti per la città almeno ottanta giorni l’anno.

Ci sarà inoltre la possibilità di progettare e gestire un servizio di ristorazione a bordo di un’unità di navigazione in Darsena e lungo le vie navigabili dei Navigli.

Le regole del disciplinare riguardano inoltre l’ormeggio di imbarcazioni. Per l’ormeggio temporaneo si va da un minimo di un giorno ad un massimo di sette giorni. Per l’ormeggio ordinario si parla invece di tempi superiori ai sette giorni.

La Darsena di Milano
Credit immagine

Il regolamento disciplina anche l’uso delle acque per la navigazione. Saranno infatti vietate la balneazione, l’uso di sci nautici, moto d’acqua e acquascooter. (Tutti coloro che erano pronti a fare i fighi, dovranno optare per Santa).

L’obiettivo del Comune diMilano è di valorizzare economicamente gli spazi, per tradurre l’attrattività della Darsena in nuove risorse. I ricavi delle concessioni saranno infatti completamente destinati alla manutenzione dei luoghi.

In attesa di scoprire chi vincerà la gara, iniziamo ad immaginare il nuovo spazio galleggiante in Darsena. E a prepararci alla prossima inaugurazione!

Credit immagine di copertina

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!