0 0

Torna EXPerience: l’Area Expo riapre al pubblico con tantissime novità

Nessun orario o limiti di decibel da rispettare. Così, con questo annuncio che sa di rivoluzione, il Comune ha aperto le porte dell’ex Area Expo, per allettare gli organizzatori di eventi e arricchire il calendario di EXPerience. Il parco, che già lo scorso anno aveva allietato l’estate meneghina con mostre e concerti, nasce con l’obiettivo di mantenere in vita l’enorme superficie rimasta inutilizzata dopo l’Esposizione Universale.

«La seconda edizione di EXPerience presenta delle importanti novità che vanno proprio nella direzione di rendere questa area sempre più protagonista della vita del nostro territorio sul modello di altre esperienze simili, come ad esempio il post Olimpiadi di Londra, che hanno la nostra stessa ‘mission’”», spiega Giovanni Azzone, presidente di Arexpo.


Credits immagine

Si riparte sabato 27 maggio e si andrà avanti per tutta l’estate e oltre, fino a novembre. Il calendario degli eventi è ancora tutto da definire, anche se sono già state apportate alcune novità rispetto allo scorso anno: dato il successo dei concerti di Andrea Bocelli, Gianna Nannini e Antonello Venditti, si è pensato di ampliare l’Open Air Theatre, che arriverà ad ospitare 17mila persone (5mila in più rispetto al 2016); raddoppierà poi l’aerea a disposizione dei visitatori arrivando a 400 mila mq contro i 185 mila del 2016.

Palazzo Italia riaprirà al pubblico e ospiterà mostre e iniziative culturali. Intanto, ecco gli appuntamenti già stabiliti: alla Obstacle Run il compito di inaugurare la nuova stagione, seguita nel ponte del 2 giugno dal Festival del Volo, con mongolfiere a disposizione del pubblico; la domenica successiva toccherà alla Color Run.

Insomma, anche quest’anno i poveri sfigati che saranno costretti a rimanere aMilano ad agosto avranno di che consolarsi… forse.

Credits immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!