0 0

Milano Caput Furbi: 80mila automobilisti non pagano il gratta e sosta!

Milano Caput Furbi oltre che Mundi, insomma. Parliamo di P – non quella di Povero Pirla neopatentato – ma di Parcheggi, strisce blu nello specifico. Terrore dell’automobilista perennemente in ritardo e del Giargiana in gita: su un totale di 295mila posti auto metropolitani, quelli a pagamento sono circa 81.500 mila (30.370 dentro e 51.800 fuori dalla cerchia filoviaria). Bene ma non benissimo: quando la “volpe” non arriva al parchimetro, parcheggia agggratis (con tre G).

parcheggio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Evasione da record quindi. Scoop? Novità? Scoperta dell’acqua calda? Chi lo sa. Una cosa è certa: Milano è in pasto ai furbi che a quanto pare, mollano l’auto senza cacciare un euro. Ogni giorno con nonchalance parcheggiano sulle strisce blu senza pagare il doppio (80mila) di quelli che cercano come dei disperati il parchimetro – o tabacchi per il gratta e sosta – più vicino per fare tutto “a modo” come l’etichetta del Milanese DOC impone (40mila). Di notte e nei weekend la situazione peggiora: confidano forse nel coma da hangover o depressione domenicale che colpisce la città?

parcheggio strisce blu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Credit immagine

A denunciare la furbata sono due consiglieri di Palazzo Marino: David Gentili (Pd) e Carlo Monguzzi, presidente della commissione Mobilità. Un po’ come Totò e il suo “E noi paghiamo!” hanno presentato – con i dati della ricerca effettuata da Amat (Agenzia mobilità ambiente e territorio del Comune) alla mano –  a Giunta e Atm una mozione per mettere KO questi pirati del parcheggio.

Obiettivo: «stangare i furbetti della sosta, aumentando il numero di ausiliari da 150 a 200». Avete capito bene? Sì, signor capitano. Non ho sentito! Sì, signor capitano!

parcheggi strisce blu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Credit immagine

«Dalla sosta regolamentata il Comune incassa 26 milioni di euro all’anno. Se riuscissimo a far pagare anche gli automobilisti abusivi, l’introito del Comune salirebbe teoricamente a 59 milioni di euro» afferma Gentile.  In soldoni – visto che è di questo che si parla – si recupererebbe cash da reinvestire nel trasporto pubblico dando un taglio ai tagli. Il che, tutto sommato, non è una prospettiva così nera… anzi.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!