0 0

A Milano apre Rob de Matt, il bar-ristorante gestito da ex disagiati sociali

Ormai in giro per la città apre praticamente un locale ogni quarto d’ora, ma Rob de Matt è diverso. Anche perché a Milano una seconda possibilità di fatturare la si può dare a tutti.

Rob de Matt è il nuovo bar-ristorante di zona Dergano, precisamente in via Guerzoni 23, con una particolarità: è co- gestito da persone che hanno superato una difficoltà sociale, ed ora possono e vogliono reinserirsi nella comunità. Persone che hanno affrontato un disagio psichico, ex detenuti, rifugiati: sono loro il personale di Rob de Matt.

La sede è quella de L’Amico Charly Onlus, ed è composta da due sale e un giardino. Lo scopo è nobile, e punta sia all’accompagnamento in società delle persone ai margini, sia alla crescita dell’integrazione del quartiere e della comunità. Ok, tutto bello, ma chiariamo che non è che siccome ci sono ex disagiati si cucinano i 4 salti in padella: tutto il cibo è infatti biologico, in linea con la stagionalità, con proposte che vanno dai piatti tradizionali agli etnici. Inoltre nel giardino (entrata da via Enrico Annibale Butti) hanno anche fatto un orto sinergico, che a parte il nome che puzza di mega radical chic, mira alla partecipazione e a portare il cibo sano direttamente nella cucina dello chef, Edoardo Todeschini, ideatore di tutto il progetto Rob de Matt, e quindi a tavola. All’interno della struttura ci saranno anche reading, spettacoli, mostre, concerti, proiezioni e attività per bambini.


Credit immagine

«Rob de Matt si inserisce in un terreno ricettivo e cooperante per contribuire alla rigenerazione urbana e all’empowerment del quartiere, mira a sviluppare il senso di comunità nella zona, proponendo iniziative culturali aperte al territorio e stimolando nei residenti percorsi di partecipazione e cittadinanza attiva. I cittadini saranno coinvolti a prendersi cura dello spazio e delle sue attività e per organizzare iniziative e progetti», spiegano i promotori, che si stanno anche occupando della organizzazione dei corsi di formazione per il nuovo personale del locale.

Siamo a Milano, equindi nell’offerta poteva mai mancare il brunch? Qui lo trovate la domenica: è il brunch popolare, per Imbruttiti sia senior che junior: torte salate, verdure grigliate, bagle al salmone e molta altra roba.

«Libertà è partecipazione», diceva un certo Giorgio Gaber. E qui si può aiutare a far crescere la libertà, facendo del bene e mangiando pure bene. Easy.

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!