0 0

Milano come New York: ecco i rendering ufficiali dell’Apple Store di Piazza Liberty

Più segreto nella Nasa c’è solo lei, la scatola creativa di Piazza Liberty a due passi dal Duomo: una recinzione speciale, impenetrabile, con il compito di nascondere il cantiere fino alla fine dei lavori. Nessun Guardiano della Galassia all’orizzonte dunque ma, il futuro Store Apple è impenetrabile come un bunker atomico. Questo per ripararsi da pallottole di polemiche e proteggere la bella piazza che ospiterà il flagship store.

apple store piazza liberty

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutta questa segretezza è durata ben poco. Sul sito della multinazionale americana. sono apparsi i primi rendering dell’Apple Store di Piazza Liberty, che nei prossimi mesi aprirà i battenti, dopo quelli non ufficiali che vi avevamo anticipato. L’eccitazione è alle stelle forse perché, dopo aver colonizzato i centro di grandi città italiane come Bologna, Torino e Firenze, ora è toccato a Milano. Non senza un plus qualitativo però: sarà uno store particolare come quello sulla Quinta Strada a New York… sotterraneo!

apple store piazza liberty

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Location prescelta sono gli spazi del cinema Apollo che, dopo quasi 60 anni di attività, ha ceduto il passo a quello che tutti chiamano futuro. A firmare il progetto che porterà una ventata di American Pride nella città della Madonnina, l’archistar Norman Foster: l’architetto inglese che ha già disegnato l’Apple Campus 2 e il Municipio di Londra.

apple store piazza liberty

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una scalinata-anfiteatro larga quasi come l’intera piazza fungerà da ingresso dello store. Giusto per metterci quel tocco di monumentalità in più, la scalinata scenderà verso una cascata d’acqua che dovrebbe fungere anche da maxi schermo. Quest’ultima, a sua volta, sarà sormontata da fontana! Una seconda struttura in vetro con due vasche d’acqua ai lati,  ospiterà le scale d’accesso al negozio. Di fianco ai gradoni dell’anfiteatro invece, ci saranno da due rampe di scale, mentre l’ascensore sarà posizionato sulla piazza. Il parallelepipedo di vetro – alle spalle dell’anfiteatro – è stato concepito in modo da essere visibile anche da corso Vittorio Emanuele.

apple store piazza liberty

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La recinzione – composta da una parte specchiata – è studiata per dare tutte le informazioni possibili inerenti lo store, rendering compresi – con tanto di mappa con lo schema dei negozi circostanti. Giusto per dare una sorta di completezza alla shopping experience offerta. Proprio l’esterno dello store offrirà come da accordi tra la multinazionale e Palazzo Marino, otto eventi gratuiti culturali all’anno.

apple store piazza liberty

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

«Ti aspetta un calendario pieno di eventi interessanti per tutto l’anno: dai programmi per ragazzi alle sessioni per le imprese. In più ci saranno tanti momenti di confronto con grandi talenti creativi: artisti, designer, fotografi, musicisti e programmatori della città e di tutto il mondo. Più che un negozio, vogliamo creare un punto d’incontro e di ispirazione, un crocevia di tecnologia e creatività nel centro di Milano» si legge in una nota di Apple pubblicata sul sito creato per tutti i curiosi desiderosi di capire come sarà la piazza una volta avvenuta la trasformazione.

apple store piazza liberty

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I lavori di questo gigante di vetro tutta acqua e tecnologia sono iniziati a febbraio e si mormora – visto che a questi Californiani piace tanto il concetto di top secret – che la data di apertura si aggiri intorno alla fine di quest’anno… Giusto in tempo per i regali di Natale!

Credit immagini

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!