0 0

Ho provato Wash Out, l’App che ti lava l’auto (e la moto) a domicilio: ecco com’è andata

Premessa: non sono una persona pigra, ma quando si tratta di lavare l’auto il mio motto è «aspettiamo che piova». In questa stagione il parabrezza raggiunge livelli di sporcizia così alti (soprattutto quando posteggio sotto gli alberi) che a fatica vedo la strada.

Beh, ma chi trova il tempo? Lavorando tutta la settimana in office, nel weekend non voglio sbattimenti. Perché devo fare la fila all’autolavaggio quando potrei dormire? Perché litigare con le macchinette delle stazioni self-service quando potrei stare al parco?

Certo, il problema si pone se devo uscire con una tipa o se ho un appuntamento last minute da un cliente. È proprio quest’ultimo caso che mi ha portato a provare Wash Out, un servizio che ti lava la macchina a domicilio senza che io debba muovere un dito. Anzi, basta un dito: quello sull’App per prenotare. Ora vi racconto com’è andata.

1_LA PRENOTAZIONE CON L’APP

Scarico Wash Out dall’App Store. Mi registro collegando l’account di Facebook e oplà: sono già dentro. Compilo i dati del veicolo, targa, geolocalizzazione automatica (comodissima!) che rileva dove ho appena parcheggiato, seleziono la fascia oraria, tipo di lavaggio e prenoto.

Entro l’indomani mattina mi serve solo il lavaggio esterno dell’auto, quindi scelgo Wash Out, ma volendo posso anche scegliere Wash In, il servizio di pulizia completo che comprende anche gli interni. Per quello però bisogna essere presenti per consegnare la chiavi… anzi, i veri PRO nemmeno scendono giù a consegnarle: aprono l’auto direttamente dal balcone.

Fin qui tutto fila liscio. Per aiutare il Washer, nelle note scrivo che ho parcheggiato a cazzo di c… ehm, sulle strisce gialle di fronte alla farmacia.

2_IMPREVISTO: E SE CAMBIO IDEA?

Per scrupolo, controllo il meteo e… domani è prevista pioggia (un classico!). Ma allora cosa ho prenotato a fare? Riapro l’App di Wash Out per modificare il giorno e l’ora.

Al momento si può solo cancellare la prenotazione e farne una nuova, tanto il credito rimane valido perché i soldi vengono scalati solo al momento del servizio effettuato.

Stesso discorso se spostate l’auto e dovete indicare un indirizzo diverso rispetto a quello nella prenotazione. Easy.

3_IL RISPETTO DEL TIMING

Dopo aver ri-prenotato il lavaggio, ora scatta il countdown: riusciranno a rispettare la deadline? Ho richiesto il Wash In sempre dalle 8.15 alle 9, così da recuperare l’auto alle 9 e andare a fatturare in office in tutta scioltezza.

Alle 9 l’auto è pronta, luccicante, proprio dove l’avevo lasciata: eccellente.

4_LA QUALITÀ DEL LAVAGGIO

Un lavaggio dell’auto che si rispetti deve superare i 5 quality test che considero fondamentali. Perché sono tutti bravi a lavare in modo approssimativo e Milano non ha tempo per l’ennesima start-up che non soddisfa le promesse.

TEST N.1 – LA FIANCATA

PRIMA

DOPO

Voto: 9/10

TEST N.2 – LO SPECCHIETTO

PRIMA

DOPO

Voto: 10/10

TEST N. 3 – IL COFANO

PRIMA

DOPO

Voto: 10/10

TEST N. 4 – CERCHIONE E NERO GOMMA

PRIMA

DOPO

Voto: 9/10

TEST N.5 – IL TETTUCCIO

PRIMA

DOPO

Voto: 10/10

5_RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO

Il costo varia in base al veicolo (moto o auto a seconda della grandezza) e del servizio associato (lavaggio solo esterno o interno + esterno).

Il mio Wash Out è costato €14,90 perché la mia utilitaria rientra nei modelli “small”. Al massimo con un SUV da Very Imbruttito si spende €24,90. È un prezzo assolutamente competitivo, se considero la spesa che avrei sostenuto in un autolavaggio, che è molto simile… ma in quel caso sarei dovuto uscire di casa, perdendo tempo e benzina, no way.

Il vantaggio di Wash Out è anche la disponibilità: prenotare un lavaggio mentre sto per andare a dormire, comodamente dal telefono, per le 8 del mattino seguente… beh, tanta roba!

Rapporto qualità/prezzo: ottima.

6_ECOSOSTENIBILITÀ

Mentre andavo a riprendere l’auto, pensavo: come c***o fanno a lavare l’auto se è incastrata tra due macchine? E poi: non è mica consentito disperdere liquidi e prodotti velenosi per strada… avranno il permesso dal Comune?

Raggiungo l’auto e grande sorpresa: nessuna pozzanghera. I prodotti detergenti sono completamente waterless e biodegradabili, quindi nessuno scarto per terra… stupido io ad aver dubitato. Ok, per ora non applicano la cera sulla carrozzeria ma il servizio è 100% ecosostenibile e non ne ho sentito la mancanza.

Per quanto riguarda il lavaggio ninja tra un’auto e l’altra: oh, questi Washer forse sono dei contorsionisti: nonostante lo spazio limitato, sono riusciti a districarsi con grande destrezza (ma sarebbe buona norma lasciare un minimo di spazio!).

IN CONCLUSIONE

Wash Out è un servizio da veri bomber. Gli autolavaggi di sicuro non mi vedranno più e soprattutto… forse la pulirò più spesso!

E poi volete mettere l’invidia del vicinato quando vengono a lavarvi l’auto sotto casa? Tutti penseranno che avete fatto i soldi o che siete i re del quartiere. Hanno ragione.

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!