0 0

Tutto quello che c’è da sapere sul labirinto nel campo di mais alle porte di Milano!

Questa volta ci spostiamo talmente in territorio Giargiana che cambia persino la provincia: niente Milano, ma la sorridente (?) Monza-Brianza, e per la precisione il comune di Mezzago. Qui il primo luglio ha inaugurato il progetto di land art dell’artista tedesca Maria Mesch in collaborazione con la pro loco: si tratta di un enorme labirinto di 4 km visitabile per tutta l’estate.

Una vera e propria opera d’arte concepita per essere un luogo di incontro condiviso, dove infatti troveranno spazio concerti, incontri, performance artistiche con l’obiettivo di diventare un punto di aggregazione per la comunità locale (e non).

L’iniziativa ha una pagina Facebook dedicata, dove potete trovare tutte le info utili con orari d’apertura ed eventi organizzati. Il biglietto costa 4 euro salvo iniziative che potrebbero comportare un prezzo leggermente più alto. 


Credit immagine

L’iniziativa è nata in maniera spontanea lo scorso anno ed è perciò alla sua seconda edizione: tra le novità del 2017 la chiusura del labirinto, ossia la parte più difficile chiamata da qualcuno drago delle verdure: un percorso adatto soprattutto a chi si è allenato l’anno scorso dove perdersi e ritrovarsi con 4 luoghi contrassegnati da individuare (la collocazione delle isole colorate all’interno cambierà ogni due settimane, quindi potete pure tornarci)

Per chi passerà tutta (o parte) dell’estate a Milano si tratta di una tappa obbligata. Questi gli orari indicativi (ma controllate sempre sulla pagina Facebook): giovedì e venerdì dalle 17.00 al tramonto e sabato e domenica dalle 11:00 sempre fino al tramonto.

Mi raccomando: spray contro le zanzare a manetta!

Credit immagine di copertina 

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!