0 0

Cenetta esclusiva in Galleria da Cracco? Si parla di 500 euro a testa, ma è per una buona causa

Cracco aprirà a breve il suo ristorante in Galleria Vittorio Emanuele II, ma nel frattempo ha già acceso i fornelli e messo l’acqua a bollire per far cucinare due robe il prossimo 13 settembre.

L’occasione è la festa dei 150 della Galleria, e chef Carlo Cracco sarà infatti l’ideatore del menù per la cena con 900 invitati e menù fisso da 500 euro. Insomma, non proprio una mega offerta da pausa pranzo, ma è per una buona, buonissima causa: il ricavato sarà infatti destinato all’iniziativa «Cena sospesa», lanciata da diverse realtà tra cui Caritas, Fipe, Confcommercio ed Epam, con il patrocinio del Comune, che consente di offrire un pasto a chi non può permetterselo.

Il menù sarà ideato da Cracco e la cena verrà preparata e servita da alcuni ristoranti della Galleria, dato che anche loro compiranno 150 anni.


Credit immagine

Alla cenetta parteciperanno molti ospiti importanti, tra i quali il sindaco Giuseppe Sala, che ha dichiarato: «Rendere omaggio alla Galleria significa celebrare la bellezza architettonica e i 150 anni di storia della nostra città che questo luogo rappresenta e racconta. Per questo motivo, abbiamo deciso di organizzare una cena speciale. E non solo per la location esclusiva che la ospita. La cena per il 150° anniversario della Galleria vuole essere un momento di incontro e di riflessione. Perché per una città che crede fortemente nel valore della solidarietà, ricordarsi di chi è meno fortunato e ha più bisogno del nostro aiuto è un dovere sempre, soprattutto nei momenti di festa».

Per tutta la cittadinanza invece la festa proseguirà venerdì 15 settembre con un evento pubblico, per sbocciare in onore della Galleria.

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!