0 0

«Le focaccine dell’Esselunga»: il tormentone trash adesso ha un video, ed è già virale!

Il successo non arriva mai per caso, ma forse in questo caso sì.

Parliamo de Le focaccine dell’Esselunga, nuovo tormentone di questa imprevedibile estate 2017. La canzone celebra le focaccine della catena di supermercati fondata da Caprotti, in un (con)testo abbastanza surreale. Il protagonista le scopre infatti a seguito degli acquisti della madre e ne rimane estasiato. Una trama a dir poco avvincente, avvolta da un sottofondo trap (sottogenere del rap) che rende tutto ancora più trash. Dulcis in fundo: il testo cantato da un certo Oel, la cui identità rimane ancora misteriosa, ma che è già diventato un caso social(e).

Ovviamente anche noi avevamo dedicato un pezzo a questo successo misterioso, ma ora la cosa è diventata ancora più seria: è arrivato il video ufficiale.

Credit immagine

Il protagonista accompagna la sua ragazza all’Esselunga, perchè lei ha voglia di focaccine. Per non farsi mancare nulla, i due arrivano in Lamborghini (probabilmente l’autobus non passava), e la parcheggiano all’interno del supermercato, accolti ed avvolti dalla loro crew che inneggia, insieme al cantante, alle focaccine «unte il giusto». (Tutto vero).

Le scommesse su chi sia Oel sono aperte: qualcuno del programma Ciao Belli dice il figlio di Claudio Cecchetto o, perché no, il vostro vicino di casa un po’ babbo. Noi, nel frattempo, prendiamo atto di questo successo genial/trash. Che sia un’operazione di marketing di Esselunga o altro, poco importa. Sappiamo solo che di fronte alla rima «non ne posso fare a meno, chissenefrega del Dompero», abbiamo riso. E poi pianto.

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!