0 0

Aprire un’impresa agricola a Milano si può: ecco il bando del Comune!

«Se non hai voglia di studiare vai a zappare la terra», e se avete studiato può essere comunque una buona idea.

Il Comune di Milano ricerca idee e progetti che uniscano innovazione tecnologica con la creazione di una nuova imprenditorialità nel settore agro-alimentare per valorizzare il patrimonio rurale milanese, e per farlo ha aperto un bando chiamato OpenAgri. C’è tempo fino al 30 settembre per presentare il proprio progetto; ci sono in ballo 30 ettari di terreni localizzati tra il quartiere Corvetto, l’area ‘Porto di Mare’ e la campagna (Parco Agricolo sud). Il cash totale del bando è di 6 milioni di euro per la riqualificazione e integrazione di spazi urbani e campagna ed è finanziato dal bando Urban Innovative Actions con il fondo europeo di sviluppo regionale.

«Grazie a questo provvedimento mettiamo a disposizione 30 ettari di spazi agricoli al fine di sperimentare progetti imprenditoriali per una agricoltura 2.0 – ha commentato l’assessore al Lavoro del Comune, Cristina Tajani -, in cui l’innovazione vada di pari passo con il recupero della tradizione toccando l’intero ciclo alimentare, dalla produzione, alla trasformazione, logistica, distribuzione, consumo e riciclo virtuoso degli scarti di lavorazione».


Credit immagine

Il bando, in particolare, è rivolto a imprenditori agricoli già attivi o aspiranti tali, soprattutto giovani under 40, micro, piccole e medie imprese e start-up oltre a cooperative sociali, onlus e ong.

Dunque, se non avete più sbatti di dividervi tra call e meeting e sentite che è arrivato il momento di cambiare entrando nell’epoca dell’agricoltura tecnologica, coltivando magari rape 2.0 o cetriolini wireless, ma senza lasciare la città Imbruttita, ecco l’occasione. Carpe diem, phega!

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!