0 0

A Milano c’è un preside che manda gli studenti a zappare, per davvero!

Ve la ricordate la vecchia storia del «se non studi allora vai a zappare la terra!», o «le tue sono due braccia rubate all’agricoltura?». Beh a Milano c’è qualcuno che quelle braccia all’agricoltura le vuole restituire, o perlomeno far capire agli studenti cosa vuol dire davvero lavorare la terra.

L’idea, già in atto, è di Domenico Balbi, dirigente scolastico dell’Itsos Albe Steiner, scuola a indirizzo spettacolo: «Quando trovo i ragazzi a fumare all’interno della scuola o all’esterno dovrei fargli una multa di 27 euro che, però, viene commutata in lavoro – ha spiegato al Corriere della Sera il preside, preoccupato dalla piaga del tabacco e delle droghe leggere. – All’inizio i ragazzi, che avendo propensione artistica sono spesso vestiti in modo originale e fanno uso di sigarette proibite, accettavano divertiti, pensando che fossero ore di svago, ma questa percezione è durata poco. Rastrellano, raccolgono pietre, potano, abbattono gli alberi malati e trasportano manualmente gli scarti del verde, quindi ora hanno compreso il senso della fatica. E io lavoro con loro, prima di tutto per dare l’esempio e poi perché non abbiamo i fondi per dedicare il personale a quest’attività».


Credit immagine

Insomma, all’inizio i giovani si divertivano pure a zappare, poi hanno capito che c’è da fare fatica veramente e non è un diversivo tanto simpatico. Lo stesso Preside, che fino a quattro anni fa faceva l’avvocato cassazionista a Napoli, lavora insieme ai ragazzi zappatori, e la scuola sta pure ricavando i suoi benefici da questa iniziativa: orti con pomodori e zucchine, giardini interni con coltivazione di rose, camelie, agrumi e ortensie. E presto potrebbe addirittura essere predisposta un’area con le galline ed una per l’apicoltura.

Quindi per chi non si comportasse bene a scuola… Ma va a lavurà, o vi ci manda il preside!

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!