3 0

Un ponte di cristallo nel cuore di Brera: ecco il progetto per il 2018!

Per molti Brera vuol dire seratina fuori del venerdì sera, ma Brera, prima di tutto, significa cultura… e per fortuna ogni tanto la nostra città ce lo ricorda!

Un lungo passaggio sospeso, infatti, collegherà presto la Pinacoteca a Palazzo Citterio: la prima è la sede dell’omonima Galleria Nazionale d’Arte, fondata nel 1809, la seconda, invece, è un’antica residenza privata acquistata dallo Stato nel 1972 come naturale proseguimento delle esposizioni di Brera.

Ma dal 1972 a oggi cosa è successo? Praticamente niente. Anche se sono stati diversi gli interventi che hanno portato avanti il progetto della cosiddetta Grande Brera, che coinvolgerà anche le Caserme Magenta e Carroccio in zona Pagano, nessuno di questi ha riguardato Palazzo Citterio, che, solo ora, è tornato a essere considerato elemento chiave per l’ampliamento della Pinacoteca.

E visto che le cose qui a Milano, quando le facciamo, le vogliamo fatte bene, per il prossimo anno potremmo già aspettarci di attraversare l’Orto Botanico a nove metri di altezza: ecco la quota prevista per la passeggiata coperta che ci condurrà dalla sede principale a quella periferica della galleria.

Nove metri di altezza che, per chi soffre di vertigini, renderanno l’attraversamento di quei brevi 150 metri lineari un vero inferno o anche peggio (per questo ci auguriamo che i parapetti siano belli alti!), ma che permetteranno ai 300.000 visitatori del museo di andare da una parte all’altra della galleria, di godere di un panorama unico nel pieno centro storico di Milano e soprattutto preserveranno l’Orto dal loro calpestio.

Dopo una bella notizia, eccovi la nota dolente: chi li tira fuori 8 milioni di Euro?!

A.A.A. Sponsor cercasi!

Credits Immagine
Credits Immagine di Copertina

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!