12 0

Le 5 frasi INDIMENTICABILI a ogni aperitivo per dimostrarsi sul pezzo senza sapere un cazzo

Tutti sanno che l’aperitivo poggia le sue fondamenta su tre grandi pilastri: bere, oliva, «un altro giro, grazie».

Nessuno, parlandone, afferma mai – e dico MAI – «dell’aperitivo mi piace prima di tutto il fatto che posso scambiare 4 chiacchiere con gli amici». A meno di essere gente che viene aMilano da Giargianaland convinta che l’aperitivo sia un modo intelligente ed economico per fare una cena low cost.

La verità è che tutti sarebbero felicissimi di bersi tot sbagliati da soli, se fosse socialmente accettabile. Solo che non lo è, e allora ecco che si chiamano gli amici. Il problema è che gli amici parlano, e spesso parlano di cose che ci interessano tanto quanto conoscere l’indirizzo del parrucchiere (ubriaco) di Malgioglio.

Però, per conciliare la nostra voglia di farci i fatti nostri con le regole della socialità, ecco 5 consigli utili per mostrarsi sul pezzo in tutte le discussioni senza avere la minima idea di che cosa si stia parlando:

1_Serie tv

Tutti sanno tutto delle serie tv ma non si capisce dove riescano a trovare il tempo per guardarle.

Prima era Frank Underwood, ora è quella brigata scopereccia di Game of Thrones. Se non vivi l’attesa della nuova puntata dei draghi con la stessa suspense di un eroinomane in attesa del suo pusher, la gente ti guarda con compassione.

Però, per essere sempre sul pezzo senza dover stare sveglio tutte le notti davanti a uno schermo, provate a buttare lì un «Sì, ok il protagonista… ma lo spessore dell’antagonista, vogliamo parlarne?». Sembrerete uno che fa osservazioni acute e rilancia la discussione. E se qualcuno alza un’obiezione qualsiasi, basta aggiungere: «ma come fai a non capirlo?!», che tutto si risolve.

La verità è che non importa se ciò che dite sia una cosa sensata o meno: l’importante è essere confident e otterrete tutto quello che volete, come i più grandi uomini d’onore che possiate immaginare: Don Corleone, Don Lucky Luciano o Don…narumma.

Hair Flip GIFs - Find & Share on GIPHY

2_Attualità

Un altro problema sono le news. C’è gente che non beve neppure il primo sorso di sbagliato che già parte con la rassegna stampa delle 19.30. L’ordine: stupri, omicidi, situazione internazionale.

E tu, che l’unico reato grave che annoveri nel tuo codice penale personale è il rigore non dato nel derby, vieni guardato come una persona insensibile che non si rende conto «dell’importanza di comprendere il mondo in cui viviamo» (cit.).

(Come se quelli che ti giudicano, ad agosto, andassero tutti ad aiutare Medici Senza Frontiere piuttosto che confondersi sulle spiagge della Grecia). L’unica frase utile per dimostrarsi sensibili, preparati e attenti è «Lo so, praticamente è nitroglicerina». Non vuol dire niente, ma nessuno avrà mai il coraggio di chiederti conto di una frase così ovvia.

3_Il calcio

E poi c’è il calcio. Per quanto uno possa essere appassionato, c’è sempre quello che conosce anche il nome dal portiere della Real Cinisello dell’anno 98/99 e lo urla come se fosse di interesse nazionale.

Lo sappiamo tutti che l’unica reazione sensata sarebbe prendere a bicchierate il nostro, però, visto che siamo persone civili che, più che del valore dell’amicizia, conoscono quello dei cocktail, bisogna tenere botta e dire l’unica cosa a cui nessuno saprà mai rispondere: «certo, ma chissà cosa avrebbe fatto con il metodo Sacchi».

Il segreto di questa frase è uno solo: Sacchi ha reso grande il Milan di Berlusconi e ha quasi vinto il Mondiale USA 94. Lo sanno tutti. Ma nessuno è riuscito mai a capire se fosse lui un genio o se accecasse il portiere avversario facendosi riflettere il sole sulla pelata (dote comunque eccezionale, vista la costanza e la mira).

4_Maurizio Crozza

Pochi lo sanno, ma qualsiasi cosa dica Crozza è utile per svoltare una conversazione. Dal più classico «fatti li cazzi tua» a Massimiliano Fuffas, vale tutto. La verità è che Crozza, se dicesse che la calvizie andrebbe inserita tra le malattie incurabili come il cancro, tutti la valuterebbero come priorità persino rispetto ai vaccini. Pagine Facebook, sit in, discussioni parlamentari fatte nelle pizzerie. Tempo 30 secondi e tutti sarebbero sul piede di guerra. (Salvo poi chiamare Razzi quale ambasciatore di pace. Fatto da Crozza naturalmente. Visto che cortocircuito?)

5_La soluzione definitiva

Infine, c’è il trucco più semplice del mondo. L’idea è semplice: il serpentone-coda di Gardaland. Tu parti e sembra che stai facendo una coda brevissima, ma in fondo si gira a sinistra, poi a destra, poi a sinistra, poi a destra… e in un attimo, non sai nemmeno più perché sei in coda. Lo stesso vale in questi discorsi: cambiare strategia, argomento, punto di vista.
Come? Con una semplice frase: «Ma infatti».

La ex del tuo amico è una pazza che gli riga la macchina solo perché l’ha tradita con sua sorella mentre lei era in ospedale ad accudire i genitori di lui che avevano fatto un incidente in macchina? «Ma infatti…»

Il capo della tua amica non capisce il suo valore e usa la sua laurea come tovaglietta per il pranzo? «Ma infatti…»

Nel condominio in cui abitano tizio e caio vogliono cacciarli solo perché hanno preso il vizio di buttare l’umido dal balcone? «Ma infatti…»

«Ma infatti» è la svolta nel serpentone. Lo dici tre volte e dopo nessuno saprà neppure il punto da cui è partito il discorso. Tu avrai bevuto il tuo cocktail soddisfatto e, inoltre, gli altri si ricorderanno di un amico sincero, partecipe delle fatiche di chi si sbatte un casino e non riesce mai a uscire splendidamente dalle situazioni brutte. Come invece fai te.

 

Articolo scritto da Matteo Liuzzi

Credit immagine di copertina 

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!