4 0

Milano place to visit: ecco che posizione occupa nel mondo secondo l’Euromonitor 2017

Si parla di turisti, aka manna per l’economia: Euromonitor 2017 ha condotto una ricerca sul numero di persone che per un motivo o per l’altro, si ferma nello stesso luogo per più di 24h. Ovviamente nella top 100 c’è anche Milano. Ecco i dati!

Hong Kong è la regina mondiale delle celebrità, come direbbe il buon Max, sul podio con 26.5 milioni di visitatori l’anno. Seguono la cugina Bangkok (21 milioni) e la britannica Londra (19 milioni+). Singapore, Macao, Dubai, Parigi, New York, Shenzhen e Kuala Lumpur sono solo alcune delle 41 agguerritissime città asiatiche che occupano le prime 100 posizioni della classifica.

In Europa la situa, superando la patria della Betta II e passando oltre, vede Parigi, Roma (12esima posizione) Instanbul, Praga, Barcellona, Amsterdam e Antalya (Turchia, 26esima). Spunta verso la metà della classifica anche la Grecia che, come l’Italia, secondo il rapporto sarebbe stata favorita dagli attacchi terroristici nelle zone limitrofe come Parigi e Barcellona. Per le città italiane non c’è onore né gloria, per così dire. Fanno capolinea timidamente nelle 100 posizioni della classifica, Roma (12esima), Venezia (38esima) e Firenze (44esima). Ma Milano, ci è o ci fa?

Abbiamo fatto un po’ come il pasticcino più buono del cabaret e l’abbiamo tenuta per ultima. Nel 2017 quasi 7milioni di turisti – 200mila in più rispetto all’anno precedente – si sono riversati nel capoluogo meneghino.

Nonostante queste cifre da urlo, Milano si piazza solo in 27esima posizione.

Ma chi siamo noi per giudicare, mica l’Euromonitor!

Credit immagine copertina

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!