51 0

L’Artigiano in Fiera quest’anno diventa XXL: mettetevi a dieta e preparate il portafogli!

Il mondo – ovvero tantissimi artigiani e prodotti di nazionalità diverse – in una super area, quella di Rho Fiera, suddivisa in 10 padiglioni. Aggiungieteci il motto «riempi la pancia, svuota il portafoglio» alla Karate Kid, scarpe comode, zainetto molesto, bombola d’ossigeno e nani urlanti e avete già capito tutto: dal 2 al 10 dicembre dalle 10 alle 22.30 torna l’Artigianato in Fiera! 

Anche quest’anno i trasporti verranno rinforzati per accogliere i visitatori – l’anno scorso ben 1.670.000 – diminuendo così gli smadonnamenti in coda all’entrata dei parcheggi. (Sappiate che anche Italo effettuerà una fermata straordinaria!). Questo perché l’edizione 2017 è pronta a sfornare una nuova grande sorpresa: i padiglioni saranno 10 per un totale di 3000 espositori provenienti da ben 100 Paesi al mondo!

Il mercatone di Natale, ormai vera e propria tradizione, per questa 22esima edizione mette la quinta e ci regala altre grasse e grosse sorprese. Ci sarà un’area interamente dedicata alle tradizioni millenarie cinesi, agli artigiani dei villaggi di Dakar etc. Inoltre, la Nazionale italiana degli chef si esibirà – per 9 giorni – in showcooking nel nuovo Artimondo restaurant: uno spazio dedicato alle ricette della tradizione italiana in collaborazione con la Federazione italiana cuochi. Dopotutto, il tema dell’anno è Artigiani creatori di bellezza e di bontà. Originali per definizione.

Savoir-faire internazionale e focus sul Made in Italy vanno a braccetto con lui, l’unico e inimitabile cibo! La ristorazione all’Artigiano in Fiera ci regala più di una gioia: 40 ristoranti in cui fare un bel tour culinario. L’Artigiano in Fiera diventa XXL, così come il girovita.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!