1 0

Spice Girls, il ritorno: una mostra e un album nel 2018 (ma senza Victoria)

Le Spice Girls tornano insieme. Forse. Da mesi ormai in rete si sta consumando uno psicodramma sulla presunta reunion del gruppo che ha plagiato un’intera generazione di ragazze.

Già la scorsa estate si era scatenata l’isteria collettiva quando su Instagram è comparsa una foto di Geri, Emma e Mel B insieme che annunciavano grandi cose per celebrare il ventesimo anniversario (VENTESIMO!) dall’uscita di Wannabe, il singolo che le ha lanciate.

E invece non se n’è fatto più nulla, perché Victoria non ha dato il suo assenso e, a sorpresa, anche Mel C si è tirata indietro.

Ora, però, l’ipotesi di un ritorno sulle scene sembra più che probabile. Avvalorato dall’annuncio di una mostra che celebrerà le paladine del Girl Power, in programma al Business Design Center di Islington, Londra, dal prossimo 28 luglio.

Non c’era ragazza, me compresa, che negli anni Novanta non avesse preso a modello una delle cinque Spice, imitandola in ogni dettaglio, specie l’abbigliamento (per la disperazione dei genitori). Ecco, proprio gli abiti indossati dalle Spice Girls saranno esposti per un mese, per farci fare un tuffo nel passato e nei ricordi. Ma veniamo alla reunion: frenate gli entusiasmi perché dalle ultime indiscrezioni pare che sarà impossibile rivedere la band al completo

Secondo quanto riportato da The Sun, è stata Sporty Spice a farsi avanti quest’estate cercando di convincere le altre quattro a ritornare insieme per un nuovo album celebrativo che uscirà il prossimo anno. All’appello hanno risposto entuasiaste Scary, Ginger e Baby Spice, oltre al manager della band.

Purtroppo, a infrangere i nostri sogni, ci ha pensato Posh, ormai signora Beckham, e ormai irrimediabilmente votata alla causa fashion. Victoria, infatti, ha smentito le voci che la volevano coinvolta nel progetto, facendo sapere di volersi dedicare solo alla sua casa di moda e alla famiglia.

Non ti perdoneremo Victoria.

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!