4 0

Che FICO! Ha aperto a Bologna Fico Eataly World, la disneyland del cibo Made in Italy

«Chi mangia da solo digerisce malissimo»: mai sfidare un detto popolare! Apre a Bologna per la gioia di coronarie, grandi e piccini, Fabbrica Italiana Contadina (FICO) un parco agroalimentare, una Disneyland del cibo che, al posto delle principesse infiocchettate, offre seducenti materie prime, dal caffè all’ammazza caffè.

Dalla A di Apperò alla Z di Zero, quello che rimane in tasca a fine tour gastronomico.

fico

«Un esperimento che unisce tradizione e innovazione: raccontare al mondo, attraverso la presentazione del cibo di alta qualità e le competenze degli addetti delle filiere agroalimentari, l’eccellenza enogastronomica del Paese e la differenziata biodiversità che caratterizza i nostri territori è apprezzabile» così ha esordito il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, durante l’inaugurazione tenutasi il 15 novembre.

fico ingresso

Una scommessa, una sfida da 140milioni di euro. Il progetto è di portare, più che acqua, 6 milioni di persone l’anno, a questo mulino. Visto il record di 100mila visitatori raggiunti solo nei primi 5 giorni dall’apertura, FICO sembra avere tutte le carte in regola per non deludere investitori privati e pubblici (Eataly World, Coop Alleanza 3.0 e Coop Reno) e aspettative. Sperem!

fico bologna verde

Ma in sintesi, di cosa si tratta? Uno spazio di 100mila metri quadrati destinati al cibo, in cui potete trovare40 fabbriche, 4o punti di ristoro, 9 mercati, un teatro, un centro congressi, 3000 posti di lavoro, un albergo da 300 posti letto work in progress. Concludono e completano l’opera, 2 ettari di campi e stalle (+ 200 animali), vigna, tartufaia e pure un agrumeto. Un’insalata mix, dall’azienda al prodotto finito.

Sei giostre – così  sono chiamati gli space adibiti alla cultura – approfondiscono i grandi temi della nutrizione, perché l’uno non può esistere senza l’altro nel 2017. Dall’app che misura la crescita delle piantine, ai corsi e convegni tenuti da 4 università, ai film a tema girati da giovani registi selezionati che lampeggiano dagli schermi.

fico

Tra un panzerotto e una focaccia ligure però ci sarà la possibilità di muoversi via bike sharing, sentendosi meno in colpa. Condiscono il quadretto lipidico i cesti alla Primark con cui fare shopping. Un po’ Expo wannabe, un po’ lunapark 7 stelle superior dell’Idroscalo.

fico

Questo perché le critiche, tempo zero, non sono mancate. Oscar Farinetti mette subito tutti al proprio posto: «Fico è partito fortissimo. È un’auto a 300 all’ora, dobbiamo imparare a guidarla». Il fondatore di Eataly chiede a tutti di mettersi in modalità aereo e aspettare che ingrani la marcia giusta. Qualche inghippo è lecito, suvvia!

Poi c’è chi, dalle pagine del The Guardian, punta il dito: «entrare qui significa entrare in quello che può essere descritto come un megamarket in stile americano, Wholefoods (supermercati bio americani – nda) pompato di steroidi».

Ma state calmi che in UK mangiate il riso con il ketchup.

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!