5 0

Qualità della vita: vince Belluno, ma Milano scivola pesantemente giù dal podio!

Milan l’è un gran Milan, ma a qualità della vita inizia a perdere colpi. Almeno secondo la classifica del Sole 24 Ore che ogni anno mette a confronto le 110 province italiane per stabilire in quali si viva meglio e in quali peggio.

A sorpresa, Milano perde il podio, dopo due anni consecutivi al secondo posto, scivola in ottava posizione, ma rimane comunque la migliore tra le grandi città. La stessa sorte, infatti, è capitata a Roma (dal 13° al 24° posto) e Torino (dal 35° al 40°).

Ed è proprio Belluno ad aggiudicarsi la vetta della 28esima edizione della classifica, che mette sul piatto della bilancia 42 indicatori in sei macro-settori che spaziano dalla sicurezza alla ricchezza, dall’occupazione all’ambiente.

 


Credit immagine

A ben vedere, sono le Alpi a fare la differenza, se si considera che prima del capoluogo lombardo troviamo, oltre a Belluno, Aosta, Sondrio, Bolzano, Trento, Trieste e perfino Verbano-Cusio-Ossola.

A Milano ci si consola con il primo posto nel settore Ricchezza, con il primato nel pil pro-capite, nell’importo medio delle pensioni e nei depositi bancari. Non male anche in ambito Lavoro e consumi, che la vede in seconda posizione. Nota dolente: il tema Giustizia e sicurezza, che la piazza all’ultimo posto e che ha fortemente influenzato la perdita di posizioni rispetto allo scorso anno nel quadro generale sulla qualità della vita.


Credit immagine

Diversi i risultati di un’altra classifica, quella pubblicata da ItaliaOggi e curata dal Dipartimento di statistiche economiche dell’Università La Sapienza di Roma, con il supporto di Cattolica Assicurazioni. Con parametri simili a quella del Sole 24 Ore, in cima troviamo Bolzano e Trento, mentre Milano scivola in 57esima posizione.

Tutto sommato, meglio quella del Sole.

Credit immagine di copertina

 

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!