14 0

Buon compleanno Esselunga: ecco la mostra che celebra i suoi 60 anni!

S come Esselunga e SuperMostra. Era il lontano 27 novembre del 1957 quando, in quel di viale Regina Giovanna a Milano apriva il primo Supermerket italiano con la celebre S allungata che sarebbe poi diventata un’icona senza tempo. Oggi è possibile rivivere quelle atmosfere da film retrò, senza dover sfoggiare per forza pantaloni a zampa.

esselunga
Credit immagine

La storia di Esselunga non parla solo dell’evoluzione della grande distribuzione ma racconta il cambiamento delle abitudini e degli stili di vita degli italiani: dall’apertura dei primi banchi di gastronomia, ai primi piatti pronti – per la gioia delle nonne! – all’introduzione del codice a barre fino alla nascita dei magazzini automatizzati. Per non dimenticarci dell’introduzione della Carta Fìdaty e dei Punti Fragola che hanno portato, e reso accessibili a tutti noi, esclusivi oggetti di design.

caprottiCredit immagine

Come celebrare i suoi 60 anni se non con una mostra? Dal 29 novembre al 6 gennaio negli spazi espositivi del The Mall – nel quartiere futuristico di Porta Nuova a Milano – ecco quindi 10 sale di percorso cronologico in cui rivivere e scoprire a mo’ di moviola oggetti iconici con un sottofondo di canzoni italiane dell’epoca.

Non aspettatevi una mostra tradizionale. Il meraviglioso mondo di Esselunga è un trip spettacolare in grado di far impallidire persino quella temeraria di Alice con elementi come un’installazione di carrelli appesi al soffitto e lo zootropio: un dispositivo ottico che permette di vedere come si realizzano le lasagne Esselunga. Una sala caleidoscopica riproduce in loop il mondo dei supermercati e un trono a forma di fragola vi farà sentire regine non di cuori, ma di Fìdelity Selfie.

esselunga
Credit immagine

Come in ogni mondo fantastico, non può mancare una stanza dedicata alle grandi campagne pubblicitarie con i claim di cui ancora ci ricordiamo («Da noi la qualità è qualcosa di speciale», «Famosi per la qualità») e gli irriverenti John Lemon, Aglio e Olio, Mago Melino e Bufala Bill, oltre che uno spazio dedicato al suo fondatore Bernardo Caprotti con documenti inediti.

esselunga fidelity
Credit immagine

Ma a chi si deve il merito dell’inziativa? La SuperMostra nasce sì da un’idea di Esselunga. ma il concept è stato sviluppato da Andrea Baccuini, Mauro Belloni e Studio Giò Forma e l’evento prodotto da FeelRouge Worldwide Shows. L’immagine della locandina – tratta dal volume 60 parole per dire Esselunga – per continuare con il filone dell’eccellenza – è del fotografo milanese Giovanni Gastel.

esselungaCredit immagine

Visto che il business non dorme mai, Esselunga ha approfittato della festosa occasione per illustrare alcuni nuovi progetti: dalla produzione di dolci di alta pasticceria in collaborazione con il tre stelle Da Vittorio, che prenderanno il nome di Lisenda e saranno inizialmente venduti solo in alcuni punti vendita, alle prossime e presunte nuove aperture 2018-2019 nelle città di Vicenza, Mantova, Milano-Famagosta e Torino.

esselunga
Credit immagine

Sarà anche il suo compleanno, ma Esselunga ha deciso di fare a tutti gli affezionati un bel regalo: un concorso che permetterà – tramite la propria Carta Fìdaty – di partecipare all’estrazione del carrello d’oro (valore 25mila euro) presente alla mostra in una teca; 60 buoni spesa da 2mila euro con un montepremi di 145.000 euro. L’estrazione si terrà il 31 gennaio 2018.


Credit immagine

SAVE THE DATE

29 novembre – 6 gennaio dalle 10.00 -alle 20.00 tutti i giorni, venerdì apertura prolungata fino alle 22.00. Il 24 e il 31 dicembre dalle 10 alle 15. 25 dicembre e 1° gennaio chiusa.

The Mall – Piazza Lina Bo Bardi, 1 Milano.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!