6 0

Storia della donna che si rade il pube, ovvero quando Porta Vittoria era Porta Tosa!

Non c’è nessuna denuncia da fare e non preparate gli iPhone per fare video, si tratta solo di una leggenda che sarebbe all’origine dell’antico nome di Porta Vittoria.

Porta Vittoria, infatti, non si è sempre chiamata così; prima dell’inizio del ‘900 si chiamava infatti Porta Tosa, ed era una delle 11 porte nelle mura spagnole di Milano, e apriva la strada verso Oriente (per fare business, ovviamente). Ma perché Porta Tosa?

La risposta si trova in un bassorilievo medioevale che oggi è esposto al Museo di Arte Antica del Castello Sforzesco. Il bassorilievo era posizionato (fino al 1848) proprio sopra l’arcata della porta e raffigura una donna con le gambe divaricate che sta per radersi il pube. Questo gesto era in realtà la condanna che dovevano scontare le donne accusate di adulterio o prostituzione; ci sono diverse leggende legate al bassorilievo, anche se principalmente se ne ricordano due.


Credit immagine

La prima risale al 1162, quando Milano era assediata dalle truppe di Federico Barbarossa e una fanciulla, si narra, per distrarre i nemici uscì sul balcone e iniziò a radersi il pube (la figa, quindi – e la storia insegna -, distrae sempre).


Credit immagine

La seconda invece sarebbe frutto di una vendetta: dopo che Barbarossa rase al suolo Milano, alcuni cittadini si sarebbero recati dall’imperatrice di Costantinopoli per chiedere aiuto, aiuto che però gli fu negato; e così, reagendo con stile e garbo, in città le dedicarono una immagine su una delle porte principali della città per definirla come una prostituta.

Te capì la storia?

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!