4 0

Guida (semiseria) alle parole fashion più cercate sul web nel 2017

Se lo stavano chiedendo in molti, non dormendo la notte in cerca di risposte. Tra le varie classifiche che popolano il web a fine anno non poteva certo mancare quella sulle 10 parole fashion più cercate on-line.

Lo studio, condotto dalla piattaforma di e-commerce Lyst, ha analizzato 100 milioni di ricerche condotte negli ultimi 12 mesi, tra brand di moda, personaggi e, soprattutto, parole fashion. Risultato? Gucci è il marchio più cercato e Rihanna il vero personaggio influencer in fatto di tendenze. Sulla lista delle parole più cliccate, invece, non potevamo non dare la nostra interpretazione:

1_Power

 

Girl Power, Fashion Power, Pink Power. Ce lo potevamo aspettare, ma in ogni caso pronunciarlo – o meglio, associarlo ad un concetto, fosse anche quello del mondo moda – fa sempre un po’ figo.

2_Woke

 

Letteralmente svegliato, questo termine si riconduce al concetto di empowerment – tradotto: credo in me stessa, ma soprattutto nei miei vestiti. Amen sorella.

3_Statement

 

Come sopra, con un’accezione, però, più rivolta all’indossare capi e accessori capaci di spiccare e farsi notare per il loro design. Il punto di domanda, alla fine di tutto (ma pure all’inizio), è d’obbligo.

4_Floral

 

Che richiami lo stile hippie (alias, figli dei fiori), i bouquet nuziali o le stampe fiorate di primavera, su questa parola abbiamo molti meno dubbi (e ci piace anche).

5_Millennial

 

Pensavamo che questo termine rappresentasse la nuova generazione di consumatori 2.0. Oggi scopriamo che si vestono anche (bene).

6_Extra

 

Extra-large, extra-small, extra-dry: scopriamo adesso che questo prefisso compare anche da solo, in molti meme a tema fashion (della serie voglio una vita – e una gonna – extragerata).

7. Masculine

Che sia rivolto alle sneakers o ai jeans, questo termine si riferisce a quell’abbigliamento unisex che tanto piace a molte donne. Come la parola in sè, che resta una delle più sexy al mondo.

8_Cult

 

In Italia lo usiamo principalmente per parlare di film o libri, ma preparatevi ad esclamarlo di fronte al nuovo cappotto del vostro collega.

9_Ugly

 

Salutata la Betty – unico personaggio a cui associavamo questo aggettivo – da qualche anno la parola è usata per definire una nuova estetica del brutto (?) proposta (o capitata) sulle passerelle delle ultime stagioni. Meno male che durante la Fashion Week siamo sempre in sbatti per altro, o non potremmo reggere anche questo.

10_Vegan

 

No, non si tratta dei broccoli per pranzo; qui si intende una nuova esigenza, più attuale e di natura politica, applicata al vestiario quotidiano. Quando comprenderemo meglio anche noi il significato, ci scriveremo sopra un altro pezzo. Promesso.

Credit immagine di copertina

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!