4 0

10 cose che (anche quest’anno) inizierai e abbandonerai a gennaio

Anno nuovo, vecchi propositi. Anche questo Capodanno, tra sciabolate di bottiglie magnum Gran Cuvéé Brut e le note in sottofondo di Disco Samba Megamix, ti sei ripromesso che nel 2018 farai sul serio: non lascerai che quel residuo di accidia, che ancora scorre nel tuo corpo, prenda il sopravvento sulla tua condotta. Non salterai più una lezione di giardinaggio emozionale o di lettura dei cristalli applicata. Sarai una persona migliore, risoluta, pronta a rimettere ordine nella tua mail e a trovare nuovi clienti a cui sganciare fatture. Perché «questo è l’anno della svolta» (cit.). E il vero Imbruttito, le svolte, se le mangia a colazione (ammesso che faccia in tempo).

Da dove cominciare? Facile! Da questa lista di propositi che hai da poco salvato sul tuo nuovissimo iPhone X:

1_Andare in palestra 

 

È nato prima l’uovo o la gallina? L’abbonamento in palestra o l’abbandono della stessa? Mancano circa 140 giorni all’inizio dell’estate. Che per un Imbruttito significa una cosa sola: non c’è tempo da perdere! Addominali scolpiti e glutei sodi sono il must da rispettare (e abbandonare subito).

2_Cominciare l’ultimissima dieta che arriva direttamente da Marte

 

Alla palestra segue, ovviamente, una dieta che aiuti a recuperare la forma fisica compromessa dai panettoni ingurgitati a Natale. La dieta Atkins? La dissociata? La Dukan? Chi riuscirà ad averla vinta sugli aperitivi post-lavoro?

3_Utilizzare una delle dieci agende ricevute (in regalo o in omaggio) a Natale

 

C’è quella aziendale, quella regalataci da un nostro collega, il regalino della banca. Si accumulano sulle scrivanie come i pdf sul desktop del pc. Impossibile resistere al loro fascino. Un po’ meno a usarle.

4_Svegliarsi presto al mattino come i grandi scienziati, milionari, imprenditori etc

 

Gli articoli motivazionali che popolano LinkedIn parlano chiaro: se vuoi avere successo nella vita, devi svegliarti prima che il gallo canti. O poco dopo essere rincasati. Perché dormire è da poveri e LinkedIn ha sempre ragione.

5_Mettere da parte i soldi per un viaggio di formazione sulle pendici dell’Himalaya

 

I Giargiana hanno ormai colonizzato ogni angolo della terra. Da Formentera a Tokyo, da New York a Tenerife. La soluzione? Trovare quel posto ancora inesplorato, quel villaggio dove servono tè matcha e bacche di goji a chilometro zero. Anche il vostro profilo Instagram ringrazierà!

6_Cercare un nuovo lavoro

 

Non c’hai più sbatti di avere a che fare con gente incompetente? I tuoi colleghi li vedi più come bersagli per le freccette, che persone con cui fare team building? Senti che hai bisogno di nuove sfide, di fare il salto di qualità della tua carriera? È il momento di aggiornare il CV e sfoderare la tua lista di contatti per non fare il salto giù dalla finestra.

7_Cambiare casa

 

Lo spirito di Paola Marella che abita in noi si risveglia a ogni nuovo inizio, pronto a stuzzicarci con l’idea di cambiare casa, arredamento, set di lenzuola. E poi, diciamoci la verità, cercare casa a Milano è il guilty pleasure di ogni Imbruttito.

8_Abbracciare il vegetarianesimo

 

Più che una scelta di vita, una sfida a non provare l’ennesima – buonissima – hamburgheria che hanno aperto a Milano nell’ultimo anno.

9_Imparare a staccare dalla tecnologia che ci circonda e ci opprime (?)

 

Hai tristemente realizzato che tu e il tuo smartphone vivete in simbiosi come i Licheni. Hai sviluppato un’ossessione da controllo di Whatsapp. Hai cominciato a coprire la telecamera del pc per paura di essere spiato dalla Cia. Forse questa fase detox arriva al momento giusto.

10_Dedicare più tempo a se stessi e volersi più bene

 

Ovvero, quello che ci ripetiamo da quando abbiamo cominciato a stilare queste liste.

Articolo scritto da Maurizio Binetti

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!