0 0

Altro anno, altro San Valentino: sei ristoranti per fidanzate (e pance) più felici!

Peggio del dilemma su cosa fare a Capodanno o Ferragosto c’è solo una cosa: decidere cosa fare a San Valentino.
Perché potete fare i radical e gli anticonformisti quanto vi pare, ma alla festa degli innamorati difficilmente potrete resistere. E non perché sotto sotto siate degli inguaribili teneroni, no. Si tratta di puro istinto di sopravvivenza.
Perché ogni fidanzata è stata creata e progettata per aspettarsi qualcosa di dolce in quel preciso giorno, e se non volete ritrovarvi in un negozio di peluche, col rischio che ve lo lanci dietro (io lo farei), tanto vale tapparsi gli occhi, pensare che sia una sera come tante altre e andare a cena fuori.
Già, ma dove? Posto palesemente e smielatamente romantico o semplice ma sofisticato? E il menù?
Se non sapete dove sbattere la testa, vi aiutiamo noi.

Ecco qualche posto per garantirsi un buon proseguimento di serata e rifarsi le papille gustative.

Shambala, Via Giuseppe Ripamonti 337

Un’oasi zen in piena Milano, in Via Ripamonti. Le luci soffuse e le atmosfere orientali vi aiuteranno a drizzare le antenne e risvegliare i sensi, gusto in primis. Il merito è dei piatti che uniscono ricette giapponesi, thailandesi e vietnamite, anche per vegani. Per dire basta al solito sushi.
Menù degustazione di San Valentino a 60 euro, compreso l’accesso al party di mezzanotte (anche se vi auguriamo di essere già altrove a quell’ora).

Kitchen Society, Vicolo Chizzolini 2 

Restando in oriente, ma cambiando zona, in Via Piero della Francesca trovate questo locale in cui la tecnica giapponese si fonde con i sapori italiani. Tranquilli, i piatti sono belli da vedere (e fotografare), ma soprattutto mangiare.
Il menù per la festa degli innamorati costa 75 euro (bevande escluse), ma comprende 12 portate. Solo per fare qualche esempio: Patanegra con pan y tomate, Anchoas del cantabrico con alioli e prezzemolo, Sashimi di salmone scottato con le sue uova, noci e crema di wasabi leggero o Sashimi di tonno scottato con olive, basilico e avocado, Uramaki rolls orata burro e salvia.

Besame Mucho, Viale della Liberazione 5 

Gli affezionati della cucina messicana possono ripiegare sul locale in Piazza Alvar Aalto, dove potranno cenare sulle note del violinista Alessandro Apinti circondati dallo skyline milanese.
Menù degustazione a 55 euro (bevande escluse), che prevede 5 portate.

Boatta, Piazzale Segrino 1 

In siciliano le boatte sono i barattoli di vetro in cui preparare le conserve. E sono per l’appunto siciliani i due ragazzi che hanno dato vita a questo gioiellino in zona Isola in cui gustare i sapori dell’isola e sentirsi un po’ in vacanza senza muoversi da Milano.
Il menù comprende piatti di carne e pesce, tutti con ingredienti rigorosamente siciliani, da accompagnare a un cocktail o a un vino, guidati nella degustazione del menù a 35 euro.

Tartufi and Friends, Corso Venezia 18 

Poche storie, il tartufo non delude mai. E dicono sia pure afrodisiaco, per unire utile e dilettevole.
Il menù ideato dallo Chef Luca Mauri, d’altronde promette faville: spinaci, noci, cialde di parmigiano, soia essiccata, yuzu e tartufo fresco, lingotto di tonno rosso del Mediterraneo, biscotto al tartufo, crema di zucca e tartufo fresco, gnocchi di patate, lattuga, lamponi e tartufo fresco, filetto Rossini di carne chianina, scaloppa di fegato d’oca e tartufo fresco, cioccolato, lamponi e limone per dessert.
Costo: 90 euro a persona (bevande escluse).

Mu Fish, Via Galileo Galilei 5, Nova Milanese 

Niente da fare, al sushi non potete proprio rinunciare. E allora tanto vale gustarlo come si deve e magari fuori dal trambusto, in un posto nuovo, dove si trova pure parcheggio senza buttare giù tutti i santi del paradiso.
Si trova a Nova Milanese (non fate quella faccia, bastano 20 minuti) e per San Valentino propone un menù degustazione young con coktail a base di vodka, miele, essenza di bergamotto e lamponi freschi.
Ecco alcuni dei piatti proposti: tartare di salmone con salsa mediterranea; dim sum misti; nido & mu roll (gambero fritto in tempura avvolto da carpaccio di salmone con salsa gazpacho thai); yaki soba (spaghetti di grano saraceno saltati con gamberi e verdure miste).
Costo: 40 euro.

Commenti Facebook
Iscriviti alla Newsletter Imbruttita

Inviando questo modulo, confermi di accettare la nostra politica sulla privacy.


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!