13 0

Cracco inaugura in Galleria: ecco le foto e il menù!

Se ne parlava da così tanto che sembrava fosse già cosa fatta, e invece, dopo diversi annunci, finalmente il nuovo ristorante di Cracco ha visto la luce.


Credit Immagine

È proprio nel salotto più elegante di Milano, in quella Galleria costruita per accogliere borghesi e letterati, che Cracco ha ottenuto la possibilità di creare – concedeteci il termine – la sua lussuosissima Craccoland .


Credit Immagine

Cracco in Galleria, infatti, non è un semplice ristorante stellato: si tratta di un centro dedicato a una convivialità elegante e danarosa, che nei vari ambienti dei suoi 5 piani, offre agli avventori vini pregiati nell’enoteca al piano interrato, coccole con caffè o un pasto frugale nella caffetteria bistrot, generosi pranzi con vista incantevole nel ristorante del primo piano o, ancora, una sala per eventi al secondo.


Credit Immagine

Anche se è il terzo il piano dove vengono messi al mondo i nostri sogni: lì è dove si trova il laboratorio di pasticceria!

Ma veniamo a noi: al sobrio sfarzo degli interni corrisponde un menù decisamente sfarzoso, eppure sobrio… in un certo senso.


Credit Immagine

Grazie a Scatti di Gusto, che per primo ha visto e condiviso la carta, possiamo anticiparvi che le portate fra cui scegliere sono poche e, visti i prezzi, speriamo che lo stesso non si possa dire delle quantità!

Se volete farvi un’idea di quando iniziare a mettere da parte il cash prima di andarci a cena, vi possiamo spoilerare che tra gli antipasti il carpaccio di moro oceanico, ricci di mare e caviale per € 70 potrebbe essere una buona scelta,  mentre per il primo, da bravi milanesi, vi raccomandiamo il riso mantecato allo zafferano con midollo per € 42. Infine, per la serie se non lo mangio lì, dove devo mangiarlo?, fatevi rapire dal rombo in crosta, che giustamente costa € 110 per due persone.

Immancabile l’uovo di Cracco, offerto in diverse ricette, a partire da € 38,00.


Credits Immagine

Da segnalare un menu degustazione da € 190 con ben 11 portate, ideale per farsi un’idea della cucina dello chef vicentino di nascita e milanese di adozione, che secondo noi può mettere d’accordo tutti e sostituire tranquillamente la pizzata del sabato sera, perché comunque la vista merita!

Credits Immagine di Copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!