1 0

Inaugura il Frecciarossa Milano-Genova: ma siamo sicuri sia ‘sta gran rivoluzione?

Meno sbatti più relax. Per i milanesi doc con casa al mare in Liguria potrebbe essere l’anno della svolta, perché finalmente è arrivata l’Alta Velocità nella tratta Milano-Genova.

Ieri, 15 marzo, si è tenuta la corsa inaugurale del Frecciarossa che collega i due capoluoghi e che renderà felici tutti quei pendolari del weekend che ogni primavera/estate si riversano sulle autostrade, invocando i santi del paradiso, o affollando carrozze di treni fatiscenti e decisamente poco comodi.

Aspettate a stappare le bottiglie però.

In quanto a tempi, a dire il vero, non c’è questa grande differenza, almeno sulla carta: il Milano-Genova dell’Alta velocità prevede un viaggio di 75 minuti (con arrivo a Milano Rogoredo alle 8,24 e Milano Centrale alle 8,35), appena una decina di minuti in meno rispetto ai treni in circolazione finora (se si escludono i ritardi, così costanti da essere più rassicuranti della puntualità) sulla stessa tratta.

Il vero vantaggio, per il momento, è per i liguri che vorranno andare a Venezia, che eviteranno così di dover fare il cambio a Milano e potranno usufruire di un collegamento diretto con la Laguna.

Gli orari

Attualmente sono previste due corse, una al mattino da Genova piazza Principe alle 7.05 (e arrivo a Venezia Santa Lucia alle 11.10), l’altra in senso contrario nel tardo pomeriggio: alle 18.25 da Milano con arrivo a Genova piazza Principe alle 19.55 e Brignole alle 20.03.

Orari che vanno incontro alle esigenze di chi deve fare Milano-Genova (e, soprattutto, viceversa) in giornata per lavoro, ma che poco si sposano con quelle degli irriducibili del weekend a Santa.

Bisognerà aspettare l’arrivo dell’estate per vedere se saranno inserite nuove corse anche per i pendolari del mare.

Le polemiche

La notizia dell’arrivo dell’Alta velocità in Liguria in ogni caso non è stata accolta con troppo entusiasmo. Chi usa quella tratta tutti i gironi, infatti, auspicava che l’arrivo del Frecciarossa fosse accompagnato da un restyling dei binari e dell’intera linea ferroviaria, che in certi tratti è ancora a binario unico.

Molti temono che l’aggiunta di un treno veloce, senza le infrastrutture adatte e nel già sovraffollato tabellone, possa causare solo altri ritardi e malumori (per usare un eufemismo).

Insomma, se le cose rimangono così, potrebbe rivelarsi solo una Giargianata.

Credits immagine di copertina

 

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!