3 0

Di un’adolescenza e vergogna passata: gli anni di Netlog, o di quanto eravamo orrendi

Uno dei più grandi rimorsi di oggi potrebbe essere quello di riaprire l’album di fotografie della Comunione. In realtà, ammettiamolo chiaramente: prendiamo tanto per il culo i 2000 che osannano e venerano Sfera Ebbasta, condividendo e diffondendo il suo verbo come se fosse il Vangelo secondo Luca, ma noi, a 14 anni, facevamo cagare tanto quanto (forse pure peggio). Perché? Perché avevamo Netlog. E se non vi ricordate quanto facevamo schifo su Netlog, beh, basterebbe far mente locale:

IL NICKNAME

Evidentemente, col senno di poi, ci tenevamo che nessuno potesse risalire alle nostre vere credenziali: scandalo Privacy di Zuckrberg SCAN SA TE. Perché Mauro Colombo diventava SuYcIdE__MUFFiN98 e Sara Bianchi BaMbOliNa_TuNz_oOo_tUnZ.

Ma perchè?

UN LOOK DA DOLCE&PUTTANA

Pantaloni Frankie Garage con un cavallo talmente basso da far concorrenza ai mezzi di pulizia stradale, notoriamente tenuti in vita da una cintura tarocca con fibbia grande quanto una tv 68×130 led hd. Magliettina Monella Vagabonda, Baci&Abbracci o Frutta; il tutto perfettamente confezionato e impacchettato da una felpa Adidas nera lucida da confondere, se accatastata su una sedia, con un sacchetto per l’indifferenziata. Almeno sapevamo che un look del genere sarebbe stato da cestinare. Ah, sì: ai piedi le Converse o le DC, rigorosamente con lacci diversi, ma, sancito per legge, color fluo, in modo tale da essere riconosciuti anche da lontano come dei coglioni.

DA UN’ACCONCIATURA ALLA VISITA OCULISTICA

Alla coglioni di Disney Channel, ambo i sessi si caratterizzavano per il ciuffo. Se non avevi il ciuffo davanti a entrambi gli occhi, potevi semplicemente essere radiato dal sito come dall’eredità dei tuoi genitori. E infatti, ricordiamo quel periodo adolescenziale come nero perché, effettivamente, non vedevamo altro che i nostri capelli.

PASSI?

Che fossimo già ossessionati con le visualizzazioni, i like e i commenti era abbastanza evidente; su Netlog, però, dovevamo racimolare più visualizzazioni giornaliere possibili mediante il «HeYyyYy pASSiiiiiii??? RikaMbi_oOOoOO». E quanto invidiavamo quelli che ne avevano migliaia come se fossero un monumento protetto dall’Unesco o il Duomo di Milano la domenica mattina a maggio assediato dai turisti cinesi.

LE ANGOLATURE ANCESTRALI PER I SELFIE

Se Paris Hilton ha inventato il selfie, noi su Netlog abbiamo riportato in vita la prospettiva aerea di Brunelleschi: niente frontale né profilo, la foto doveva necessariamente essere fatta dall’alto. Come se fossimo ripresi da un drone, come se stessimo aspettando dal cielo una sentenza tipo: «Ma quanto fai cagare?»

DIAVOLETTA87 IPSE DIXIT

Dovremmo vergognarci a vita per quanto fatto e pubblicato online ai tempi di Camorra&Love, ma anche la Ferragni aveva Netlog e guardate dov’è adesso; e questo, per ricordarci che non tutto il male vien per nuocere, e neppure ciò che finisce. E menomale che è finito.

Articolo scritto da Andrea Perticaroli

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!