17 0

I ghiaccioli al gin tonic sono il cocktail definitivo della prossima estate

Con l’estate è iniziata ufficialmente la campagna a sostegno dell’abolizione degli analcolici a base di maracuja – parola che nessuno riesce a pronunciare – e di tutte le banalità liquide, dolciastre e spocchiose, a favore della novità-non novità.

Non servono lauree particolari, shaker da bartender professionisti o carte di credito. Non serve nemmeno sfoggiare il vostro ultimo acquisto modaiolo, riempirvi la faccia di stucco e il corpo di Autan. Potete starvene comodamente in pantaloncini da basket, magliettina di cotone e ciabatta pelosa (non vergognatevene!).

Basta solo una casa, una cucina con almeno un tavolo d’appoggio e gli amici giusti: il gioco è fatto! Ma di cosa stiamo parlando? Parliamo dei ghiaccioli al Gin Tonic: il drink che si mangia, perfetto per sconfiggere la caldazza estiva direttamente dal portico di casa.

Veloci, facili e sicuramente d’effetto…

giaccioli

Ricetta e preparazione per 4 simpatici amici alcolisti

1 cetriolo, 2 limoni

16 cl di gin

40 cl di acqua tonica

8 gocce di Angostura

8 cl di sciroppo liquido

Spremete i limoni per ottenerne il succo e filtratelo. Tagliate i cetrioli sia a fette, sia in pezzi piccoli. In una caraffa, mescolate assieme tutti gli ingredienti – pezzetti di cetriolo compresi – e versateli negli stampi appositi per i ghiaccioli. Lasciate riposare in freezer per almeno 12 ore. Se preferite, potete aggiungere anche zenzero, frutti di bosco, polpa di pompelmo, pesca, anguria, salvia e creare così il vostro personale cocktail…pardòn, ghiacciolo al gin!

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!