1 0

5 brunch imperdibili a Milano per vincere l’hangover e l’ansia da lunedì

Domenica, ossia quell’apostrofo nero tra le parole sabato e lunedì. La maggior parte dei milanesi la vive sul filo del terrore, tra un hangover difficile da scacciare e un’ansia da inizio settimana che trotta più veloce di Varenne.
La pillolina magica per liberarsi di un simile disagio non esiste – o per lo meno, necessita di ricetta medica – ma è possibile mettere in atto delle strategie altrettanto efficaci per scrollarsi di dosso quello che gli anglosassoni definiscono Sunday blues. Una di queste è costituita da una parola di sei lettere, che (ormai lo sanno anche i muri) unisce i concetti di breakfast e lunch: il brunch è un rito che fa bene al fisico, perché asciuga i residui di gin tonic ancora presenti nel corpo, e alla mente, costringendo le anime vampirizzate a uscire alla luce del sole e farsi un bagno di aria primaverile.

Se state dalla parte di quelli che vogliono lottare contro la tentazione di rimanere segregati in casa a deprimersi, cibandosi degli avanzi della settimana precedente, ecco cinque brunch che potrebbero aiutarvi nell’impresa.

Bravo Caffè&Bistrot, Via Camperio incrocio Via Giulini 5

In una location che più centrale non si può, a due passi dal Duomo e dal Castello Sforzesco, il Bravo Caffè&Bistrot propone il menù brunch sia sabato che domenica, dalle 11:30 alle 16, con piatti freschissimi preparati al momento. Potrete scegliere tra Bagel Burger (con uovo e pancetta croccante, servito con patate al forno) Bagel Fish (con pesce bianco, salmone e gamberetti), Focaccia 5 Cerali al Salmone e limone tagliato velo, tutti serviti su pietra con patate al forno. In alternativa, Cesar Salad o Uova & Bacon e pane tosato, accompagnati da spremuta d’arancia fresca, caffè americano e brownie al cioccolato, o crostatine e tortine homemade tra cui i cupcake della casa. Molti dei piatti sono stati pensati dallo Chef e food designer internazionale Roberto Carcangiu (mica male, no?). Con la primavera vi viene un’irrefrenabile voglia di picnic al parco? Ordinate il pranzo take away, cestino e plaid vi verranno forniti dal locale. E se in settimana passate in zona, potete sempre fermarvi per provare l’aperitivo.

L’OV Milano, Viale Premuda 14 & Via Solari 34

L’OV come amore, ma L’OV anche come uno dei grandi protagonisti del brunch, cura delle peggiori sbronze: l’uovo. Sabato, domenica e festivi dalle 12 alle 16 nei bistrot potrete scegliere tra due diverse formule: un Light Brunch (che comprende uova cucinate a piacere servite con hash brown, pomodori grigliati e accompagnate a scelta da bacon croccante, salmone affumicato, salsicce o verdure grigliate; pancakes serviti con sciroppo d’acero; plateau di frutta fresca; acqua, spremuta d’arancia, caffè americano) o un Full Brunch (identico al Light, ma al posto della frutta fresca potrete optare per un sandwich o un burger, tra cui L’Ov Burger, Fish Burger, Vegetarian Burger, Club sandwich classico o con salmone, Croque Monsieur etc). Insomma, non vi pentirete di essere usciti di casa.

Dabass, Via Piacenza 13


Credit immagine

Per chi abita in Porta Romana, la vita si divide tra un pre-Dabass e un post-Dabass: il locale nato dall’idea di Robi Tardelli, Andrea Marroni e Maddalena Monti, punto di riferimento del quartiere – ma non solo – dall’aperitivo in poi, ora si cimenta anche con il brunch domenicale. Due i menù: uno chiamato sano, e il suo quasi-gemello malsano che ricalca più o meno il primo, con qualche aggiunta ipercalorica. Le due versioni possono essere mescolate, mixando pane burro e marmellata; uovo poché o strapazzato; paninetto con pesce, verdure e formaggi (o con sfilacci di maiale); dolci e yogurt. Il popolo di Porta Romana, come sempre, ringrazia.

Dinette, Via Fratelli Bronzetti 11


Credit immagine

Tutte le domeniche, dalle 12:30 alle 16:30, Dinette mette in scena il Pranzo della domenica, una versione più familiare e meno esterofila del brunch. Il locale è semplicemente delizioso, situato in una zona che ha visto un recente fermento a livello di ristorazione, e le proposte cambiano di settimana in settimana, a seconda della stagionalità. Si va dall’antipasto ai dolci, tutto è freschissimo e rigorosamente fatto in casa: se scegliete il menu completo da sei portate, i piatti sono posti al centro del tavolo e vengono condivisi tra i commensali, con la possibilità di replicare le preparazioni che sono piaciute di più. Ideale per chi desidera essere coccolato, anche gastronomicamente parlando.

Un Posto a Milano (Cascina Cucccagna), Via Privata Cuccagna 2


Credit immagine

Sulla bellezza della Cascina Cuccagna ci sono pochi dubbi: qui, il sabato e la domenica, immersi in un giardino «che non sembra nemmeno di stare a Milano», viene servito un brunch a base di brioche, tortini, bagel, uova, formaggi e salumi, oltre a tanti altri piatti disponibili alla carta e portate pensate per i più piccoli. I prodotti sono tutti Km 0, e la scelta dei cibi è vincolata ai loro territori di origine, così da offrire solo le eccellenze italiane. Per chi sarebbe voluto fuggire il weekend me non ha potuto, e desidera trovare un’oasi di pace entro la seconda circonvalla.

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!