2 0

Milano 2030 tra spazi verdi, università ed innovazione: ecco come cambierà la città!

La Milano del futuro parla la lingua dell’innovazione: è quello che è emerso durante il primo dei tre incontri organizzati dal Comune di Milano su Milano 2030, Una città connessa, inclusiva ed attrattiva. Gli obiettivi della city nei prossimi 12 anni? Verde pubblico, case accessibili, attenzione alle periferie, innovazione e crescita delle università: parole chiave importanti ed estremamente ambiziose, ma necessarie per una città che – come ha comunicato l’Assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura Pierfrancesco Maran – nel 2030 raggiungerà il milione e mezzo di abitanti.

Milano 2030
Ma non solo: in attesa dell’aggiornamento del PGT – il Piano di Governo del Territorio – il Comune ha annunciato la visione urbanistica della città, che dopo il successo di City Life e Porta Nuova non si ferma, ma raddoppia: il prossimo passo è infatti ristrutturare i quartieri popolari e recuperare gli edifici abbandonati. Dall’Assessore alla Mobilità e Ambiente, Marco Granelli, ai numerosi architetti presenti durante l’incontro – tra cui Cino Zucchi – il messaggio è corale: occorre recuperare i vuoti urbani, come gli scali Farini, Porta Romana e Porta Genova, dando loro nuova vita attraverso l’istituzione di concorsi aperti e di nuovi progetti di didattica sociale.

Milano 2030: scalo Farini

Milano 2030 è però anche attenta al tema delle Università, che in dieci anni hanno registrato una crescita dell’8% : dalla Bicocca alla Bocconi, fino all’Humanitas, i progetti di nuovi campus renderanno la città (sempre più) simile ai modelli americani. Alcuni interventi porteranno inoltre la firma di celebri architetti, come il nuovo campus di architettura del Politecnico, disegnato da Renzo Piano: un vero e proprio restyling la cui fine lavori è prevista nel 2020 (e per cui ce la meneremo anche un po’).

Milano Bicocca: nuovo campus

Quella di Milano 2030 è un’idea che ha già iniziato a prendere forma, e che tocca molteplici ambiti: dalla mobilità all’urbanistica, dall’istruzione al lavoro, la cui occupazione è finalmente tornata ai livelli pre-crisi. «La volontà di cambiamento della città, che sta già vivendo un momento molto positivo, dovrà necessariamente essere supportata da ogni tipo di competenza. C’è un tempo per la discussione, un tempo per la decisione e uno per l’implementazione», ha concluso il sindaco Sala. In attesa di vivere in prima persona i nuovi cambiamenti della città, non ci resta che attendere fiduciosi e goderci una trasformazione che, di fatto, è già in atto. E speriamo non si fermi!

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!