2 0

Quando ti prende quella voglia di fritto che… ecco i migliori locali di Milano dove sfogarla!

A un certo punto, chissene dell’estate alle porte, dello stress da prova costume, e di quelle maniglie che non accennano a diminuire nonostante le estenuanti serie di squat: quando prende la voglia di fritto, ci sono poche, pochissime scuse per resisterle.
Il punto è un altro: dove mangiarlo buono, ma buono davvero? Il che significa leggero, non imbevuto in mezza tanica d’olio, che non implichi una digestione compresa tra le 24 e le 36 ore? Ebbene, Milano non si smentisce nemmeno stavolta, permettendo a tutti i seguaci della religione del fritto di trovare pane per i propri denti: ecco i 5 locali mai-più-senza per chi, se potesse, friggerebbe pure la scrivania:

Social Market Fish & Chips

Il dream team dietro a questo locale affacciato sulla Darsena, dove si trova il Mercato Comunale 2, è già di per sé è una garanzia: Ugo Fava, Stefano Cerveni e Marco Giorgi hanno all’attivo diverse esperienze di successo, e ora, insieme a Luca Miele di Vista Darsena, hanno deciso di cimentarsi con una proposta semplice ma completa, tipica di un fish and chips anglosassone. Tre le alternative, una più buona dell’altra: Fish & Chips (merluzzo bianco fritto in pastella e salsa di piselli fatta in casa); Shrimp & Co. (gamberoni e melanzane con maionese al rafano); Chick & chips (pollo marinato con lime e spezie e salsa allo yogurt ed erbe aromatiche) serviti insieme a patate rustiche con la buccia. Una volta ordinato, il cibo vi verrà consegnato in un package da passeggio, pensato proprio per fermarsi au bord de la Darsena, sorseggiando una birra. Tenetelo presente anche per l’ape: avrete a disposizione tutti i classici drink, dallo spritz al gin tonic al moscow mule, a cui potrete accompagnare una porzione di Fish’n Chips in sharing. Altro che apericena (argh!).

Giannasi

Dal 1967 delizia i palati di Porta Romana e non solo: il pollo arrosto del sciùr Giannasi è una specie di istituzione milanese, ma pure i suoi frittini non scherzano affatto. Dal tenerissimo, fragrante (e zero unto!) pollo fritto, passando per le mozzarelline fritte, le olive ascolane, la polenta fritta, le crocchette di patate, fino ad arrivare alle deliziose frittelle di verdure, il chiosco di piazza Buozzi – per chi ancora non lo sapesse – è anche un punto di riferimento per tutti gli amanti della panatura croccante. Non che ce ne fosse davvero bisogno, ma ora potete contare su un altro validissimo motivo per affrontare la coda perenne.

Corey’s Soul Chicken

Avviso a tutti coloro che ci sono un po’ rimasti sotto con il cibo made in USA: non avrete più bisogno di prenotare un volo per scofanarvi la tradizione culinaria del Kentucky, vi basterà andare in Paolo Sarpi. Da Corey’s troverete cosce, alette e bastoncini di pollo fritti, da accompagnare alle classiche patatine fritte tagliate a mano, insalata di patate o fagioli in salsa barbecue per i più temerari. Gli ingredienti sono tutti freschissimi, preparati da Corey McCathern – originario di Louisville, Kentucky – che è riuscito a portare il suo amato southern food a Milano imparando a menadito le ricette di sua nonna. E se non è una garanzia questa…

Osteria del Gnocco Fritto

No, non è sbagliato, e se andrete dalle parti di Modena e provincia ne avrete la conferma: si dice (e si scrive) il gnocco. Qui gusterete il meglio della tradizione emiliana, compreso quel piccolo capolavoro che è appunto il gnocco fritto, da accompagnare a ben 25 tipi di salumi, tra cui 7 prosciutti crudi con stagionature diverse, e 20 varietà di formaggi di latte vaccino, ovino o caprino, freschi o stagionati. E se il vostro desiderio di emilianità non si fosse ancora esaurito, provate le tigelle da farcire con la tipica cunza, un battuto di lardo che – siete avvisati – crea una pericolosissima dipendenza.

Tutti Fritti

In questo locale in zona Colonne non avrete che l’imbarazzo della scelta: gamberi, calamari, baccalà, bocconcini di pollo, cotoletta, fiori di zucca, patatine, zucchine, friggitelli, caciotta di latte vaccino, più i fritti del giorno, che cambiano a seconda della stagionalità. Quattro differenti pastelle per esaltare la materia prima, dalla tempura con farina e birra per i gamberi al panko per il pollo; cinquanta salse in abbinamento per la maggior parte realizzate artigianalmente; birre artigianali nazionali alla spina o in bottiglia dal birrificio Lambrate, Brewdog, Toccalmatto, Borgo e Rurale. Se sognavate il Paradiso del Fritto, qui sentirete di averlo raggiunto.

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!