0 0

AAA Villa Versace vendesi: pieno centro a Milano, cifra da urlo

Anche il lusso conosce crisi. O almeno, così pare stando al nuovo prezzo di vendita di Villa Versace, l’ex dimora dell’imprenditore ed ex deputato Santo Versace che torna sul mercato a 33 milioni di euro.
La residenza era già stata messa in vendita nel 2012 a una cifra decisamente più alta, 49 milioni. All’epoca a gestire la trattativa era stata la casa d’aste Sotheby’s, che la definiva un «mix di glamour e raffinatezza».

Credits immagini

Quattro piani con ascensore e seminterrato, per un totale di oltre duemila metri quadrati di proprietà, cui si aggiungono i 300 metri quadrati di terrazza e i 400 di giardino, per una villa da sogno che comprende 15 camere da letto e 10 bagni, oltre a un garage per 6 auto.
Nonostante gli spazi mastodontici, riesce comunque a mimetizzarsi nel centro di Milano, in via dei Giardini, in pieno quadrilatero della moda.

«La casa è stata progettata dagli architetti Carlo De Carli e Antonio Carminati, rappresentanti del Movimento Moderno, tra il 1953 e il 1954. Con una pianta costituita da un ottagono sovrapposto ad un rettangolo, l’edificio è considerato uno dei migliori esempi di architettura razionalista residenziale post-bellica della città», si leggeva nell’annuncio di Sotheby’s di qualche anno fa.

Credits imminagini

Non è chiaro se ci sia stato un proprietario in questi anni o se la casa sia rimasta vuota. Di certo, dal confronto delle foto di sei anni fa (qui sotto) rispetto a quelle diffuse oggi, è evidente che qualche ritocco è stato fatto e che ora sia meno vissuta di quanto non lo fosse ai tempi della famiglia Versace.

 

Credits immagini

A occuparsi della trattativa oggi è Coldwell Banker, si sa mai che vi ritroviate in saccoccia 33 milioni di euro.

Credits immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!