3 0

Alcolizzarsi per una giusta causa? Si può, durante la #NegroniWeek2018!

Un caloroso ringraziamento a Camillo Negroni per tutti i messaggi inviati agli ex, gli abbordaggi molesti nei locali e i «non berrò mai più lo giuro» declamati a gran voce sotto casa, per la gioia dei vicini. Dal 1919, però, diciamocelo, il conte Camillo Negroni ci ha regalato non solo un grande drink che ha dato un ulteriore senso all’ape, ma anche dei gran bei momenti (a eccezione di quelli passati sul pavimento del proprio bagno).

negroni

Se volevate trovare, nonostante non ce ne sia bisogno, una buona scusa per sfondarvi di Negroni, sappiate che dal 4 al 10 giugno ci sarà la #NegroniWeek 2018 organizzata da Campari e da Imbibe Magazine.

Per il sesto anno, in tutto il mondo – dopo i 7.700 locali aderenti in 60 paesi raggiunti nel 2017 – ogni drink acquistato in bar, ristoranti e rivenditori aderenti, aiuterà a raccogliere fondi a sostegno di oltre 40 enti di beneficenza (qui trovate l’elenco completo).

Piazza Duomo, come c’era da aspettarsi, sarà il centro degli eventi: da Il Camparino, al Bar di Passo che servirà per tutta la settimana ben sette Twist di Negroni, rivisitando il drink in questione con ingredienti quali aceto balsamico, tè nero, infuso di rabarbaro e molti altri.

Per concludere in bellezza ed estrema sobrietà la settimana alcolico-benefica, in Galleria si terrà un closing evening che permetterà di far durare l’ape fino alle 22. Ma non solo.

Il ristorante al primo piano poi ospiterà – dal 4 al 9 giugno – un menù stellato in abbinamento al nostro benamato Negroni, ideato da tre maestri della cucina italiana, Giancarlo Morelli (Pomiroeu) Davide Caranchini (Materia), Matteo Baronetto (Del Cambio) e dal campione mondiale di Pasticceria Luigi Biasetto.

I locali aderenti a Milano? Li trovate qui.

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!