1 0

L’ottimismo è il profumo della vita: ecco quando apriranno tutte le piscine a Milano!

Le piscine, a Milano, sono una questione di sopravvivenza. Quando il caldo arriva (e prima o poi arriverà davvero) c’è da correre ai ripari. E poco importa che mandrie di famiglie sudaticce e agguerrite invadano ogni spazio vivibile.

Bisogna arrangiarsi e ritagliarsi quel minuscolo rettangolino che consenta di tenere le chiappe (o anche solo le gambe) a mollo per qualche ora.

Perché se per la tintarella ci sono sempre i parchi, per evitare lo svenimento è necessaria l’acqua.

Ecco perché, nonostante il meteo sia ancora tutt’altro che clemente, già da questo weekend riaprono le piscine all’aperto.

Il 2 e il 3 giugno toccherà alla Argelati, alla Lido e alla Romano inaugurare la stagione con un’apertura straordinaria. Ma sarà il prossimo weekend, quello del 9 giugno a segnare l’ora X, ovvero quella in cui tutti i centri balneri di Milano Sport spalancheranno le proprie porte (oltre ad Argelati, Lido e Romano anche la Cardellino, le Saini e la Sant’Abbondio).

Per i più radical, sempre il 9 giugno, aprirà anche l’ormai ex Piscina Caimi, rinominata Bagni Misteriosi, per il momento adibita esclusivamente a solarium.

L’unica che si farà attendere è la Scarioni, che consentirà la balneazione solo dal 30 giugno.

Se quello che vi interessa è diventare i Carlo Conti della madunina, ci sono poi i solarium (anche se con le piscine al chiuso) di Arioli, Cantù, De Marchi, Iseo, Mincio, Murat, Procida, Solari, Suzzani e Cozzi.

Per chi invece vuole illudersi di essere in Riviera, c’è la possibilità di prendere lettino e ombrellone (alla Lido e alla Argelati) o di smaltire qualche caloria giocando a beach volley (alle Saini e alla Lido).

Credits immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!